A+ A A-

Il Graal e La Dea: scopri il libro!

Cinque domande per conoscere meglio Il Graal e La Dea

 Perchè è interessante?

Il Graal e La Dea è un saggio atipico, un esperimento a metà tra il racconto di formazione e la ricerca multidisciplinare, una guida "turistica" per il visitatore quanto un "manuale" per il ricercatore, un volume da prendere fra le mani e studiare passo passo, vagando tra i luoghi che descrive. A guidare il lettore è la voce stessa del ricercatore che narra in prima persona il tortuoso percorso umano, emotivo e intellettuale attraverso il quale è giunto a individuare e rivalutare l'importanza storica di un poco noto paese ossolano e dei suoi monumenti. 

La varietà e ricchezza degli approcci al problema, dall'archeologia alla geometria, all'astronomia, alla simbologia, agli studi sui sistemi di misurazione , tra slanci entusiastici e lotte contro le difficoltà e la frustrazione, gli hanno consentito di comprendere sotto una nuova e inedita luce i fatti tardo-medievali accaduti.

Emerge così con ben due secoli di anticipo una storia nuova e sconosciuta, tutta italiana, che non ha nulla da invidiare a quella ben più più recente e famosa della località francese di Rennes-le-Chateau.

Di cosa parla?

Il Graal e La Dea svela, con una nuova e inedita prospettiva, l'incredibile vicenda che pare uscita da un romanzo, di un paese della Val d'Ossola: Ornavasso. In questo villaggio di poche centinaia di anime, una piccola edicola votiva sparsa nei boschi, nel Seicento comincia ad elargire prodigi e il parroco decide di inviare al vescovo della diocesi richiesta scritta per edificarvi intorno una semplice tettoia di legno, sotto la quale celebrare la messa di ringraziamento una volta all'anno. 

La risposta, incomprensibile e meravigliosa, che giunge dal vescovado, è il progetto di un enorme santuario, degno di una cattedrale medievale, fatto realizzare dal più insigne architetto milanese del tempo. Intorno ad esso si snoderanno non solo gli interessi locali del paese e della diocesi ma anche quelli del ducato di Milano, di una delle sue più potenti famiglie e di un oscuro personaggio con approfondite conoscenze alchemiche e misteriche.  

Perchè è un libro da non perdere?

Il Graal e La Dea è un esperimento storico e letterario in cui ciò che conta non è solamente il risultato delle ricerche, ma anche tutto il lungo percorso attraverso il quale lo studioso giunge alle conclusioni esposte.

La ricerca storica è di solito considerata un ambito per pochi, una sequela di dati, date, nomi, battaglie, un fatto accademico. Ma se, alla rilettura critica dei documenti archivistici, si affianca con la necessaria competenza e senza preconcetti ogni altro ambito utile del sapere, si può giungere a una consapevolezza nuova dei fatti, rigorosa e omogenea, di più ampio respiro, in grado di proporre finalmente risposte concrete a tanti interrogativi irrisolti. 

Così, monumenti e avvenimenti locali, spesso considerati interessanti solo per il territorio cui appartengono, possono rivelarsi "tasselli" importanti per l'intera storia dell'uomo.

Chi è l'autore?

Francesco Teruggi è un ricercatore indipendente. Si interessa di sceneggiatura, è impegnato in collaborazioni giornalistiche (tra poco verrò inserito nell'Albo dei Giornalisti Pubblicisti della regione Piemonte), dirige la collana "Malachite" ed è responsabile multimedia presso Giuliano Ladolfi Editore.

Ha un'innata passione per i luoghi sacri, le tradizioni, la storia e la spiritualità dei popoli dei cinque continenti e si interessa di innumerevoli discipline scientifiche, dall'archeologia, alla paleontologia, all'antropologia, all'astronomia. Ma non esita a metterle a confronto con ambiti del sapere spesso insoliti, arditi ed esotici, che spaziano dal simbolismo alle discipline ermetiche, alla tecnica della radioestesia, alle terapie di cura naturale.

Il suo blog è www.francescoteruggi.com

Chi è l'editore?

Giuliano Ladolfi Editore nasce dalla lunga esperienza della rivista di critica letteraria Atelier. La selezione e la rarità che contraddistingue i libri di poesia, di traduzione e di critica, pubblicati dalla casa editrice sono apprezzati e riconosciuti a livello nazionale ed internazionale e hanno ricevuto numerosi premi e riconoscimenti. Con 'Il Graal e La Dea" ha inaugurato la collana Malachite, dedicata alla ricerca storica sperimentale e integrata, per ridare  tanto alla storia locale quanto all'approccio multidisciplinare di ampio respiro, la dignità che meritano.  

"Il Graal e La Dea" - anteprima sfogliabile del libro

PER SAPERNE DI PIU' PUOI LEGGERE ANCHE:

 

 

SE DESIDERI ACQUISTARLO

LoTroviQui-3-400

ACQUISTALO SUBITO!

Vota questo articolo
(1 Vota)
Francesco Teruggi

Scrittore e giornalista pubblicista. Direttore delle collane "Malachite", "Agata" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), co-autore del saggio "Mai Vivi Mai Morti" (2015), autore del saggio "La Testa e la Spada. Studi sull'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni" (2017). Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT.

Leggi qui la biografia completa

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente. Ti prego di non inserire commenti offensivi, pena la cancellazione immediata.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

CERCA NEL BLOG

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

LogoSogitS.O.G.IT Verbania

FrancescoTeruggi.com - Copyright © 2012 Francesco Teruggi - Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Testi, foto, video e ogni altro contenuto sono proprietà esclusiva di Francesco Teruggi, salvo eventuali ed espresse specificazioni di diversa provenienza.