Ti trovi qui:Home>Blog>Home>Cose, fatti, persone>Ritualia>Il rito della piuma
A+ A A-

Il rito della piuma

Il "rito della piuma", della "doppia morte" o più semplicemente "répit" è "una delle manifestazioni più durature, più profonde ed allo stesso tempo più segrete della religione popolare". Purtroppo, però, pochi conoscono questo pezzetto di tradizione dell'Europa occidentale.

Ma andiamo con ordine. L'antefatto protocristiano, che avrebbe portato al fiorire della ritualità del répit, è l'annosa discussione teologica ed escatologica su cui dibatterono, senza sosta, i Dottori della Chiesa per secoli: la vera natura del peccato originale e il destino finale delle anime. Ciò che destava i maggiori problemi era la sorte finale delle anime appartenute a chi, in punto di morte, pur essendo in grazia di Dio, non si trovava nello stato di purezza necessario ad ascendere in Paradiso. Tra queste la situazione più delicata era quella dei fanciulli nati-morti o deceduti prima di ricevere il Battesimo, incolpevoli eppure privi di quella condizione indispensabile per essere “accolti in cielo”.

 

 

Ex-voto per il répit avvenuto nel 1757 al Boden di Ornavasso (VB)

Già Pietro Crisologo, Santo e Dottore Della Chiesa, aveva proposto nel IV-V secolo l'idea di un luogo altro, che solo secoli più tardi sarebbe divenuto quel Purgatorio di cui Dante fu probabilmente il primo a dare un'immagine precisa nella Divina Commedia. Ma le numerose dispute sembrarono trovare una prima soluzione solo con Sant'Agostino, il quale, in risposta agli attacchi dei pelagiani, che sconfessavano l'esistenza della “colpa originaria”, giunse a formulare per la prima volta compiutamente quella che sarebbe diventata nota come “teoria del Limbo” o del “limbus puerorum”, il limbo dei fanciulli. Ebbe un successo duraturo nei secoli, tuttavia era una condizione «sospesa», di privazione della visione di Dio pur senza i patimenti dell'Inferno, inaccettabile soprattutto in quelle epoche, segnate da un'elevatissima mortalità infantile.

Intanto, alle sventurate madri, disperate perché non potevano assicurare almeno l'eterna pace ai figli nati morti, non rimaneva che rivolgersi alle sfere celesti e soprattutto alla Vergine, la madre per eccellenza, affidando ad essa l'anima degli sfortunati pargoli. Accadeva allora, piuttosto raramente e in talune condizioni, che il corpicino riprendesse per pochi istanti vita, giusto il tempo necessario ad impartirgli l'agognato sacramento, prima che la morte giungesse di nuovo.

Lentamente questa semplice pratica spontanea finì per trasformarsi in un vero e proprio rito.

Sant'Agostino ha consegnato alla memoria storica il primo caso, attribuito al protomartire Stefano, riportandolo in un sermone della maturità. Più tardi, nel XIII secolo, Iacopo da Varagine nella "Legenda Aurea", la sua opera omnia racconta di come San Gregorio Magno avrebbe operato una miracolosa resurrezione temporanea. Perfino Giovanna d'Arco, la pulzella d'Orleans, avrebbe partecipato al rito del répit a Lagny, diventandone per la tradizione addirittura l'artefice.

Pontoise

Répit di Pontoise dell'anno 1630
(raffigurazione in una vetrata della chiesa)

Ma come si svolgeva?

Veniva amministrato secondo regole precise e accompagnato da specifiche preghiere ed orazioni, alla presenza di “osservatori”, tra cui a volte dottori ed ostetriche, cui era affidato l'onere di verificare la comparsa dei segni. Le preghiere più consone a ridestare i fanciulli erano l'Ave Maria ed il Salve Regina, ma non mancano casi in cui il temporaneo ritorno in vita accadeva durante l'Elevazione.

Molti erano i segni che indicavano il momentaneo ritorno alla vita del bambino: “arrossamento”, ripresa di colore delle membra, del corpo intero o di parti di esso, quali il viso, le mani, le gambe; “effusioni” di liquidi e di urina; sanguinamenti e sudorazione; aumento del calore del corpo e ripresa del battito cardiaco; contrazioni dei muscoli quali movimenti degli arti, della lingua o lo spalancare e roteare degli occhi. Il più commovente dei segni, però, era il breve, ultimo respiro che il piccolo cadavere avrebbe potuto produrre, così flebile da essere sufficiente a malapena per far muovere una piuma, posta dagli astanti accanto alla bocca del piccino. Non appena i segni cominciavano a comparire con certezza il prete, oppure l'ostetrica se quest'ultimo non poteva essere presente, si affrettavano ad impartire il Battesimo. Solitamente lo formulavano “sub condicione” in una particolare forma nota in Francia come “ondoiemènt” : “Se sei vivo io ti battezzo in nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”.

Infine la madre, ottenuta la grazia poteva, con il cuore più leggero, far ritorno a casa e seppellire il piccino in terra consacrata. In rarissimi casi la resurrezione risultava addirittura definitiva, come sarebbe accaduto ad una bambina portata a Ligny-en-Barrois nel 1632 e di cui ancora si conserva l'ex voto che ella stessa offrì nel 1647.

Non sempre però la resurrezione effimera si verificava e in tali casi coloro che, non avendo potuto ricevere il battesimo, non erano ammessi alla sepoltura in luogo sacro, venivano interrati presso i medesimi “loca sancta” del rèpit, sotto le grondaie e accanto ai muri delle chiese e delle cappelle. La pioggia, resa acqua lustrale dal contatto con il tetto, forse, riversandosi su di essiavrebbe potuto, in qualche modo, salvarne l'anima. Esempi italiani di questa usanza sono quello di B.V. Della Gelata a Soriso (NO) e soprattutto il santuario B.V. Delle Grondici a Panicale (PG).

Molti santuari già esistenti diventarono luoghi del rèpit. Altri sorsero proprio dopo il verificarsi della resurrezione temporanea di un bambino nato morto. Uno dei più fecondi ed interessanti, in cui centinaia furono i casi documentati, si trova in Belgio, ad Avioth, Fu lungamente attivo dal 1625, data del primo prodigio, al 1786, quando il vescovo proibì formalmente e definitivamente la pratica.

Le condanne formali non tardarono. Una delle prime è contenuta negli Statuti Sinodali di Langres (1479). Vescovi e Papi cercarono in ogni modo di proibire e di scardinare il répit, come dimostrano le frequenti disposizioni a riguardo contenute negli archivi parrocchiali di tutta l'area interessata dal fenomeno. Anche i teologi, da Lipsius a Guppenberg, cominciarono presto, dal XVII secolo, ad interessarsene, così come medici e scienziati, fino al divieto definitivo promulgato da Benedetto XIV nel 1755.

Nonostante questo i fedeli e i parroci, incuranti delle severe ammonizioni e dei divieti, mantennero viva e diffusero la la pratica, che si trasformò lentamente in vero rito,L'intercessione veniva presentata a volte a santi conosciuti, come il leggendario e forse immaginario “Saint Transi ou Transir”, sull'altopiano di Ganagobie in alta Provenza o San Giuliano a Gozzano (NO), ma quasi sempre la figura preferita era quella della Vergine Maria, la Gran Madre di Dio.

Il numero di santuari e di immagini taumaturgiche in grado di operare il prodigio della resurrezione temporanea dei bimbi nati morti è stato quantificato in diverse centinaia di santuari solo in Francia e almeno una cinquantina in Italia, ma l'avversione della Chiesa per questa pratica spesso impedì di conservarne memoria scritta. Di molti potrebbe essere andata perduta ogni traccia.

 

 


BIBLIOGRAFIA:

 

 

Jacques Gelis, Les enfants des limbes,, 2005

Jacques Gélis, L’arbre et le fruit, La naissance dans l’occident moderne, XVIè – XIXè siècle, 1984

Jean Luc Demandre, Les riches heures de Notre-Dame d'Avioth, 1989

Mario Sensi, Santuario della Madonna delle Grondici: da edicola campestre a santuario marianoAtti del convegno, Perugia 1998, pp. 149-269

Fiorella Mattioli Carcano e Valerio Cirio, Santa Maria della Gelata di Soriso nel contesto europeo dei santuari fonte di vita, 1993

Fiorella Mattioli Carcano, Santuari à Répit, Il rito del ritorno alla vita o doppia morte nei santuari alpini, 2009

 

Vota questo articolo
(4 Voti)
Francesco Teruggi

Scrittore e ricercatore indipendente. Direttore delle collane "Malachite", "Agata" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), dell'Ebook "Militum Christi - Templari, Cavalieri di Malta, ospitali, Madonne e sacralità antica tra novara e l'Ossola" (2014); co-autore del saggio "MAI VIVI MAI MORTI" Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT.

Leggi qui la biografia completa

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente. Ti prego di non inserire commenti offensivi, pena la cancellazione immediata.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

CERCA NEL BLOG

 
IL MIO NUOVO LIBRO!

La Testa e La Spada

Studi su Cavalieri

dell'Ordine

di San Giovanni

TestaSpada 3d 449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-331-5
Pagine: 128
Uscita: Marzo 2017

 

I MIEI LIBRI

 

Mai Vivi Mai Morti

MaiViviMaiMorti 3d449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 144
Anno di edizione: 2015

 

Deen Thaang - Il viaggiatore

DTcover449-3d
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 256, 300 immagini a colori
Anno di edizione: 2014
 
 
Il Graal e La Dea
 
GraalDea3Dtransp
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-081-9
Pagine: 256, a colori
Anno di edizione: 2012

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

FTQrcode

Inquadra il codice con il cellulare,
clicca e naviga sul mio blog dal tuo
dispositivo mobile!

Se non disponi del lettore vai su
http://www.i-nigma.mobi/
oppure cercalo negli appstore

NEWS DAL MONDO

  • La prima opera d'arte ha 500.000 anni
    Un'incisione ritrovata in Indonesia proverebbe che Homo erectus aveva capacità cognitive molto più complesse di quanto si è ritenuto finora. Una serie di linee incise a zig-zag su una conchiglia potrebbe rivoluzionare le nostre conoscenze su quelle che consideriamo le…
    Scritto Domenica, 28 Dicembre 2014 14:16 Letto 2286 volte
  • Scoperta divinità romana sconosciuta
    Un dio romano sconosciuto è stato recentemente portato alla luce in un santuario nel sud-est della Turchia. Il bassorilievo del I secolo a.C., di un enigmatico dio barbuto che emerge da un fiore o pianta, è stato scoperto presso il…
    Scritto Venerdì, 28 Novembre 2014 07:52 Letto 2241 volte
  • La tomba di un faraone egiziano sconosciuto
      Un team di ricercatori composto da archeologi della University of Pennsylvania e del Ministero Egiziano delle Antichità ha portato alla luce la tomba di un faraone non ancora conosciuto nei pressi della sacra città di Abydos, 300 miglia a…
    Scritto Martedì, 04 Febbraio 2014 17:12 Letto 2875 volte
  • Ritrovata la tomba di Imhotep
     la piramide a gradoni di Saqqara, in Egitto, dove si trova una vasta necropoli, situata a circa 30 km a sud della capitale Il Cairo. Piramide eretta come sepolura del faraone Gioser, della terza dinastia.Il Cairo - L' Egitto continua…
    Scritto Sabato, 29 Giugno 2013 17:09 Letto 3498 volte
  • Forse scoperta la più antica civiltà europea
    Un team di archeologi dell'Accademia Bulgara delle Scienze, ha trovato alcuni elementi di prova che potrebbero confermare il ritrovamento della più antica civiltà d'Europa. La scoperta è stata fatta in un sito nei pressi della città di Pazardzhik, nel sud…
    Scritto Domenica, 23 Dicembre 2012 16:40 Letto 3032 volte

LogoSogit

Siti amici

Ladolfi Editore
Selezione e rarità per contraddistinguere libri di narrativa, storia, traduzione, critica e arte, apprezzati a livello nazionale ed internazionale.

Atelier
Trimestrale di poesia, letteratura e critica

Tecniche di Riequilibrio
Raccontare il rapporto con i miei pazienti e come loro sono -in effetti- i veri insegnanti di cui non posso fare ameno

Il Quarto Centrale
Radioestesia naturale: raccontare un nuovo modo integrato di fare radioestesia.

Tre di Croppo
Gli amici della montagna

Marco Posa - Shiatsu a Como
Lo shiatsu è una disciplina evolutiva. Valorizza le risorse vitali di ambedue le persone coinvolte nella pratica, permettendone la migliore espressione secondo le potenzialità, i tempi e le modalità peculiari di ciascuno.

Chiavenna 1853
Le pagine di questo blog raccontano un'esperienza di studio e di lavoro dalla quale poter attingere informazioni e considerazioni storico-culturali, socio-economiche, geografiche ed urbanistiche della città, messe in evidenza dallo sviluppo di un complesso sistema informativo geografico. 

Solar Terrestrial Data


Created by PA4RM

tagoreDeve essere lo scopo a cui tende tutta intera la nostra vita: in tutti i nostri pensieri e in tutte le nostre azioni dobbiamo avere la coscienza dell'Infinito.

- Tagore -

 

Blog segnalato su

  Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog

Aggregato su aggregablog

img 20bec1108c

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Booktrailers - Promuovi gratis il tuo libro

CIDOT22

LogoItaMist500

LogoEcoRisRid

LuoghiMisteriosi

LogoKiwa

STORIE

  • Come ti concio Is Concias (e non solo)
    Come ti concio Is Concias (e non solo) Crescono esponenzialmente gli atti di vandalismo ai danni dei siti archeologici sardi. I più recenti riguardano soprattutto la preziosa Tomba dei Giganti di Is Concias, nel cagliaritano. [View the story "Come ti concio Is Concias (e non solo)" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 25 Settembre 2013 13:40 Letto 3083 volte
  • Stregoneria africana
    Stregoneria africana In Africa la stregoneria è attuale, più di quanto si creda, anche dove sono giunti il "progresso" e la "globalizzazione". Questa è una "carrellata" di servizi televisivi e inchieste sul fenomeno [View the story "Stregoneria moderna in Africa" on Storify]
    Scritto Lunedì, 19 Novembre 2012 13:39 Letto 3678 volte
  • La soglia: varcare la porta stretta
    La soglia: varcare la porta stretta Varcare una soglia è un gesto prezioso. Tutte le culture e tradizioni, antiche e nuove del pianeta si sono soffermate su questo aspetto. Ecco una breve galleria fotografica di soglie da tutto il globo. [View the story "La soglia: varcare la porta stretta" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 17 Ottobre 2012 13:38 Letto 2871 volte
  • SATOR - il quadrato magico
    SATOR - il quadrato magico Quanti quadrati magici "Sator Arepo Tenet Opera Rotas" sono stati scoperti? Di quali e quanti tipi? Da dove vengono? Che significato avevano? [View the story "SATOR" on Storify]
    Scritto Martedì, 16 Ottobre 2012 13:34 Letto 3430 volte

Radio Propagations


Solar X-rays:
Status
Geomagnetic field:
Status
D-Region Absorption
Prediction:
Status
Created by PA4RM

bernardoTu troverai più nei boschi che nei libri. Alberi e rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà. Pensi forse che non potresti succhiare miele da una pietra né olio dalla roccia più dura? Non lasciano le montagne gocciolare giù dolcezza? Non sgorgano dai colli latte e miele? Sono talmente tante le cose che potrei raccontarti. Riesco a stento a trattenermi.

- San Bernardo di Chiaravalle, epistola 106 -

 

Archivio articoli

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

Siti consigliati

SACRED TEXTS ARCHIVE
Testi introvabili della tradizione orientale e occidentale

IN QUIETE - il sito di Gianfranco Bertagni
Filosofia, teologia, simbologia, testi della tradizione

IL SITO DEL MISTERO
Notizie, curiosità e ricerche del Cavaliere Vermiglio

MUSICA E SPIRITO
Ricerche sulla musica e sull'anima

ULTIMA FRONTIERA DELLA CONOSCIENZA
Psicologia, archetipi, religioni, mitologia, geobiologia,architettura sacra, archeologia, storia

MARIO ERMINI BURGHINER e i MAZARÖCC
Musica dialettale valligiana in salsa internazionale

ALCHEMICAL EMBLEMS, OCCULT DIAGRAMSAND MEMORY ARTS
Images from Medieval, Renaissance, Early Modern,and Contemporary Esoteric Traditions

LA MELAGRANA
Pagina indipendente di cultura esoterica

GOZZANO METEO
Il meteo del basso cusio in tempo reale

FrancescoTeruggi.com - Copyright © 2012 Francesco Teruggi - Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Testi, foto, video e ogni altro contenuto sono proprietà esclusiva di Francesco Teruggi, salvo eventuali ed espresse specificazioni di diversa provenienza.