Logo
Stampa questa pagina
Analisi vibrazionale dei luoghi(2): come cominciò tutto?

Analisi vibrazionale dei luoghi(2): come cominciò tutto?

Mi sono sempre chiesto come l'uomo primordiale, una volta sceso dagli alberi, sia giunto a capire l'esistenza di un "oltre" e a comprendere che esistevano luoghi più adatti di altri per approfondirne la conoscenza.

Immaginiamo un ominide peloso, una scimmia, che scopre di avere maggiori possibilità di sopravvivenza se rimane alzato sulle due zampe posteriori. Dopo migliaia di anni, questa postura ne modificherà per sempre le caratteristiche fisiche, a partire dalla testa, che cambia forma per accogliere un cervello più ampio ed evoluto. Dapprima usa solo i quattro arti, poi comincia a specializzarsi e si serve di sassi e rami, raccolti lì per lì, come strumenti. Dopodichè, il suo intelletto ormai evoluto, gli suggerisce che può lavorare quegli utensili e migliorarli.

 

 

In quel momento, la scienza ci racconta che l'uomo scopre... di essere uomo! Prende coscienza di sè. Immediatamente riconosce che, fuori da lui, c'é qualcos'altro. E sviluppa le prime forme di culto, nonchè di arte.

Per quanto ci si sforzi, è impossibile definire se l'essere umano, diventando tale scoprì Dio, oppure se diventò tale come conseguenza di quella scoperta. Per dirla come Feuerbach, la scienza non riesce a spiegare se l'uomo, poiché è diventato tale, si è inventato Dio o al contrario se l'ominide, accorgendosi del divino, sia diventato "essere umano". Arte, "concetto del divino" e "uomo" compaiono insieme.

E non solo. Il neo-nato uomo "sapiens" comincia presto a capire che ci sono luoghi più adatti di altri per "incontrare" il misterioso "oltre". Li contrassegna con simboli, mani, piedi, graffiti, scene di caccia e li decora in modo sempre più elaborato.

Favorito dall'abbandono del nomadismo, diviene stanziale, affina le sue conoscenze agricole e perfeziona i suoi strumenti. Intanto si accorge che i luoghi naturali (grotte e caverne, foreste e radure) dove il "divino" si manifesta possiedono caratteristiche speciali. Prova ad interagire con esse, scopre altri luoghi dove queste particolarità esistono solo in parte e cerca di completarle.

Si rende conto che vi sono influssi provenienti dal cielo, ma anche strane "energie" che erompono dal sottosuolo. Apprende che interagiscono con il suono, con la parola, con i gesti.

E scopre, non senza sgomento, di quanto potere esse siano portatrici.

Pare una favola ma, se ci pensate bene, potrebbe non esserlo.

CONTINUA...

 

Vota questo articolo
(1 Vota)
Francesco Teruggi

Scrittore e giornalista pubblicista. Direttore delle collane "Malachite" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), co-autore del saggio "Mai Vivi Mai Morti" (2015), autore del saggio "La Testa e la Spada. Studi sull'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni" (2017). Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT.

Leggi qui la biografia completa

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.