Logo
Stampa questa pagina
Santuario del Fontegno - luogo ad alta energia

Santuario del Fontegno - luogo ad alta energia

 

Salendo la stretta e ripida mulattiera che dalle rive del Lago d'Orta a Omegna (VB) si inerpica fino al piccolo paese di Quarna sopra, a picco sulla rupe sottostante si regge prodigiosamente il piccolo Santuario della Madonna del Fontegno.

In origine qui sorgeva una cappelletta, costruita intorno all'affresco di una Madonna cinquecentesca. Secoli dopo fu edificata, sulla balza soprastante, una chiesa con pianta a croce e la cappella, nel frattempo dotata di un atrio coperto, fu inglobata nella struttura, diventandone una sorta di cripta, accessibile sia dall'interno del santuario che dal piazzale.

 

 

FontegnoPanorama

 

All'origine della cappelletta ci fu senz'altro un qualche evento miracoloso che trasformò presto il luogo in mèta di pellegrinaggio. Le ristrutturazioni dei primi anni Ottanta hanno svelato diverse scritte graffite sull'affresco originario, lasciate probabilmente a ricordo grazie ricevute.

 

Fino al secolo scorso la chiesa "moderna" aveva le pareti interamente coperte di ex-voto, a testimonianza della fama miracolosa del luogo.

FontegnoAffresco

La dedicazione attuale è alla "Madonna della Neve", con riferimento esplicito al prodigio del 258 d.C. che portò all'edificazione di Santa Maria Maggiore a Roma. Sia il quadro dell'altar maggiore (riproduzione dell'originale, che fu rubato), che l'affresco votivo all'esterno (sopra l'atrio della cappella, datato 1922), ripropongono in modo molto particolare il fatto: sulla cima dell'Esqulino, la neve, cadendo, disegna sul terreno la pianta a croce della futura chiesa.

FontegnoInterni

Pare che, invece, la dedicazione iniziale fosse a "Maria protettrice delle acque", con certo riferimento alla sorgente che sgorga proprio dietro il santuario. Il legame tra le due dedicazioni può probabilmente essere ricondotto al colore della neve, il bianco, la purezza, l'essenza virginale della Madonna, che è anche, per la tradizione ermetica, il colore dell'acqua, per la precisione dell'acqua "di vita". Maria è "sorgente", "fonte" dell'acqua eterna che dona la vita.

FontegnoCappella

Altro dettaglio degno di nota è la presenza, all'esterno del santuario, di un vero e proprio pulpito addossato alla parete rocciosa, elemento raro e curioso.

FontegnoSantuario

Tra le caratteristiche meno visibili del santuario c'é sicuramente il suo orientamento astronomico. Il fondo della chiesa e della cappelletta infatti puntano decisamente al sole nel momento in cui sorge visibilmente in un periodo ben preciso: i giorni del Solstizio Estivo, in cui si palesa proprio nell'incavo tra i rilievi montuosi.

FontegnoAlbaSolstizioDett

Il rilevamento radioestesico evidenzia invece il motivo della scelta della posizione della cappelletta primeva e dell'affresco, ma anche l'accurata valutazione che fu fatta per realizzare gli ampliamenti successivi.

FontegnoRilievoCorretto

 

Vota questo articolo
(6 Voti)
Francesco Teruggi

Scrittore e giornalista pubblicista. Direttore delle collane "Malachite" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), co-autore del saggio "Mai Vivi Mai Morti" (2015), autore del saggio "La Testa e la Spada. Studi sull'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni" (2017). Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT.

Leggi qui la biografia completa

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.