Ti trovi qui:Home>Personaggi>Cavalieri di Cristo: tra Templari e Ospitalieri in Ossola
A+ A A-

Cavalieri di Cristo: tra Templari e Ospitalieri in Ossola

In quasi tutte le pubblicazioni sulla presenza dell'ordine templare in Italia mancano riferimenti sulla parte più settentrionale del Piemonte e in particolare sull'area compresa tra il Lago Maggiore e la Svizzera attuale. Eppure l'importanza storica delle vie di transito e dei passi della Val d'Ossola farebbe supporre che gli ordini gerosolimitani sorti durante le crociate non potessero aver trascurato questa regione. In essa si snoda infatti una parte nevralgica dell'antica Via Mala, che connetteva la Pianura Padana e le leghe cittadine lombarde produttrici di vino, sale e grano con le grandi fiere della Champagne e il Centro Europa, da cui provenivano pelli e latticini.

 

 

Il tracciato, ben custodito dal sistema di torri di segnalazione e fortificazioni volute da Ludovico il Moro1, risaliva oltre la piana della Toce le valli Antigorio e Formazza per inerpicarsi fino ai passi dell'Arbola, del Gries, del San Giacomo e proseguire verso Binn, Grimsel o il San Gottardo; poco prima di Domodossola una deviazione portava ai passi del Monte Rosa, all'imbocco della valle Antigorio, un'altra diramazione si insinuava in val Divedro, verso il Simplon.

Passi, magioni e ospizi in Ossola nel Medioevo

Lungo la stessa via si muovevano anche i pellegrini in viaggio verso Santiago di Compostela, dove nell'830 l'anacoreta Pelagio aveva ritrovato la tomba di San Giacomo, come testimoniato dal nome stesso di uno dei passi, dall'intitolazione dell'ospizio sul Sempione e da alcune raffigurazioni dell'apostolo presso la parrocchiale di Vogogna e la chiesa dedicata allo stesso a FondoToce2. Il tratto che saliva fino a Domodossola era infatti parte del vasto sistema viario della Via Francigena che nella valle, però si chiamava Via Francisca. Dalla città fino ai passi della val Formazza, poi, cambiava nome in “Via del Gries”.

Itinerario principale della Via Francigena

Segno noto della presenza gerosolimitana nella zona era certamente l'Alter Spittel, l'ospizio vecchio, a poca distanza dal Passo del Sempione, voluto dal vescovo di Sion e già esistente nel 1235 sotto la direzione di un frate e “magister”, tale Bernardo, appartenente all'ordine dei Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni di Gerusalemme, gli stessi che, persa la Città Santa (1291) avrebbero spostato la loro sede principale prima a Cipro, facendosi chiamare semplicemente “Cavalieri di San Giovanni”; poi a Rodi dal 1330, mutando di nome in “Cavalieri di Rodi”; infine a Malta, facendosi riconoscere con il nome di “Cavalieri di Malta”, dopo la sconfitta subita da Solimano il Magnifico nel 1522. Un altro ospizio dei Cavalieri di San Giovanni, “San Giovanni dei Pellegrini”, si trovava a Novara, fuori dalla Porta di Milano, sulla strata mediolanensis, lungo la riva del Ticino.


L'Ospizio Vecchio (Alter Spittel) sul Passo del Sempione

I Cavalieri Templari, invece, erano stanziati nelle campagne novaresi dal 1174 anno in cui i Conti di Biandrate donarono la domus di Sant'Apollinare alla Milizia Templii. Della mansio non sono note altre informazioni, ma sembra che ad essa possano risalire le parti più antiche della chiesa e dell'edificio annesso, ancora visibili nel cascinale odierno.

Un documento del 15 Settembre 1222 indica poi l'esistenza di un'altra magione in città a Novara dedicata a San Guglielmo, che pare si trovasse nel quartiere di San Gaudenzio, poco fuori dalla Porta di Vercelli, lungo la strada tra Novara e Vercelli, della quale non sono stati rinvenuti resti. A nord, oltralpe, una loro commanderia sorgeva a Salgesch, tra Brig e Sion, lungo la via Francigena e in numero maggiore3 ne esistevano nei territori della Savoia.

Passo di San Giacomo (Val Formazza)

E tra il Sempione e Novara? Possibile che i Templari avessero trascurato l'Ossola, una valle il cui legame con la Vergine (soprattutto la controversa “Madonna del Latte”, che allatta a seno scoperto) e con la “Grande Madre”, icone tanto care ai cavalieri gerosolimitani?

Clemente V, due mesi dopo aver promulgato la bolla papale la bolla “Vox In Excelso”, con cui poneva fine all'Ordine dei Poveri Cavalieri di Cristo e del Tempio di Gerusalemme”, provvedeva ad una seconda e meno nota bolla, “Ad Providam Christi Vicari” che sanciva il passaggio di tutte le proprietà templari, comprese quelle ricadenti sotto le pievi novaresi, ai Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni. La bolla attesterebbe quindi, pur senza elencarli, che gli ordini gerosolimitani avevano stanziamenti anche nella regione compresa tra le pianure a nord di Novara e le valli ossolane.

In effetti, sia lo stesso documento datato 1222 che le registrazioni di un capitolo dell'Ordine di San Giovanni tenutosi nel 1533, menzionano una fantomatica “Santa Maria della Mansione” che dipenderebbe da San Guglielmo.

Templar-Knight

Ebbene, secondo una teoria, questo potrebbe essere l'antico nome di una magione passata poi ai Cavalieri di Malta e rinominata “Commenda di Santa Maria Annunziata del Sovrano Ordine militare e Ospitaliero di San Giovanni in Gerusalemme o di Malta”, situata a circa 80 km da Novara, a Vogogna, sulla riva sinistra della Toce, proprio dove comincia la parte navigabile del fiume.

Fondata agli inizi del XII secolo dal feudatario di Formazza, Antonio De Rodis, che qui si ritirò a vita religiosa dedicandosi all'aiuto dei pellegrini, sarebbe stata ceduta, per sua stessa volontà, alla sua morte, all'Ordine Templare , che ne avrebbe mantenuto possesso fino al 1313.

Che tale lascito fosse stato fatto inizialmente all'ordine templare, in verità, viene per lo più sostenuto con riferimento alle note storiche, assai più tarde, redatte da Paolo VI Della Silva (i Della Silva erano discendenti dei De Rodis), che inseriva la questione come ipoesi a commento di un testo di Giovanni Capis del 1673, in cui invece si indicavano quali destinatari della donazione i Cavalieri di Malta. Al medesimo ordine cavalleresco viene attirbuito il possesso della magione anche nelle “Memorie storiche di Premia”, datate 1925.

Di certo, la “mansio” assunse fin dall'inizio un ruolo strategico rilevante. Al piccolo porto che ne faceva parte attraccavano il traghetto che collegava le due sponde del fiume e le chiatte provenienti dal Lago Maggiore trasportando merci e pellegrini in transito lungo la via Francisca da e verso Domodossola. Il toponimo originario del ponte, “della Masone”, sarebbe, secondo alcuni, un'altra prova della possibile presenza templare in Ossola ma, pur suggestivo che sia, anch'esso non consente attribuzione certa.

Seguendo le orme dello zio, intanto, Guglielmo II De Rodis aveva fondato un ospizio per i viandanti a Premia, in valle Antigorio, lungo la Via del Gries e l'aveva affidato alle Umiliate di Sant'Agata. L'edificio e l'oratorio adiacente furono dedicati a San Bernardo di Aosta (morto il 10 Giugno 1081 e sepolto a Novara), patrono degli alpeggi e degli scalatori. Non è dato sapere se anche il nipote, seguendo le orme dello zio, abbia lasciato a sua volta in eredità all'ordine templare l'ospizio. La piccola e pregevole chiesa, recentemente restaurata e i resti del ricovero sono ancora visibili ai margini dell'odierno abitato di Premia.

Chiesa e ospizio di San Bernardo (Premia)

Mentre San Bernardo rimase indipendente e frequentato fino all'inizio della sua decadenza, nel XVII secolo, la Masone di Vogogna (la cui unica testimonianza moderna sono i ruderi dell'antico ponte detto “Della Masone”), con la bolla papale fu ceduta agli Ospitalieri, che la mantennero per almeno altri tre secoli.

La teoria che identificherebbe la Masone di Vogogna con “Santa Maria della Masone” citata nei documenti del 1222 e del 1533, è ancora dibattuta per via della notevole distanza tra Novara e Vogogna, stride con la vicinanza tra le due adombrata invece dai documenti e con la mancanza di prove certe della presenza templare a Vogogna (ad eccezione delle note, assai più tarde, di Paolo VI Della Silva). Con maggior probabilità la leggendaria Santa Maria Della Magione era forse la stessa Magione di San Guglielmo cui fu cambiato nome o una parte della mansio che fu modificata o soppressa.

Mentre un frate antigoriano, Pietro di Cravegna costruiva e cominciava a gestire un Ospizio (1410) alla sommità del passo, all'alpe Valdolgia, poco sotto la sommità del passo di San Giacomo, alcuni rinvenimenti fanno pensare che i Cavalieri di San Giovanni, preso possesso delle magioni templari avessero cominciato ad intensificare la loro presenza in Ossola.

Nel XVI secolo edificarono un oratorio dedicato a San Giovanni sul torrente omonimo che ancora attraversa Intra. Per distinguerlo dal Rio San Bernardinoflumen magnum” dalle acque salubri e particolarmente efficaci per curare ulcere e ustioni, il torrente “San Giovanni” era invece tristemente noto come “l'altro fiume”, i cui sassi erano ritenuti la causa della forte umidità nei muri della casa, poiché “piangevano” ricordando il martirio del Battista.

L'oratorio (e forse una piccola magione) sorgeva non distante dal “Punt dal sass”, crollato tra il 26 e il 27 Settembre 1991, sul quale dall'Alto Medioevo fino alla fine del 1800 transitarono le persone e le merci dirette verso Cannobio e la Svizzera attraverso la via Selasca.

Un altro inspiegato rinvenimento, una stele murata all'esterno di una casa (poi soprannominata “Casa dei Cavalieri di Malta”) a Mergozzo, su cui sono incise la croce ospitaliera (di Malta) e la data 1589, suggerisce la probabile esistenza di un ospizio o di una magione gerosolimitana anche in questo abitato, la cui pieve, fino al XVI secolo includeva anche Ornavasso e le frazioni limitrofi.

CavMalta-Mergozzo-2-WEB

Lapide sulla "Casa dei Cavalieri di Malta" a Mergozzo

Se c'erano Templari che stanziavano in Ossola, scomparirono dunque senza lasciare traccia. E dove avrebbero potuto andare, oppure nascondersi fino all'arrivo dei Cavalieri di San Giovanni? Si accodarono forse a quelli che fuggirono in Svizzera per fondare un nuovo stato, come adombrano alcuni studiosi basandosi sulla coincidenza tra la nascita del primo stato elvetico e la distruzione dell'ordine templare, sulla vocazione bancaria elvetica (il primo sistema bancario “moderno” fu opera templare con l'introduzione delle “lettere di cambio”), sulle croci di derivazione templare che ancora campeggiano sugli stendardi di molti cantoni, sulle leggende antiche che narrano di misteriosi cavalieri avvolti in manti bianche che giungevano a salvaguardare l'indipendenza svizzera dai tentativi stranieri di invasione?

Forse, più semplicemente, i Poveri Cavalieri di Cristo rimasero dov'erano e passarono in “eredità” agli Ospitalieri insieme ai loro beni, salvandosi così dalle persecuzioni di Filippo il Bello.

 


NOTE:

1Molte fortificazioni sono oggi ridotte a rovine, tra quelle che si sono conservate ci sono la Torre di Ornavasso e la Torre di Buccione.

2Il Vecchio Ospizio del Sempione era intitolato a San Giovanni e San Giacomo. L'apostolo è raffigurato insieme a San Cristoforo in una lapide ad opera del “magister” Lorenzo degli Arrigoni, che ornava l'ingresso della Parrocchiale di Vogogna, oggi murata alla base del campanile. A San Giacomo al Basso a FondoToce è rappresentata la scena detta “Miracolo dell'impiccato, legato proprio alla pratica del pellegrinaggio a Compostela.

3Le magioni e le commanderie templari esistite in territorio svizzero sono rare. Quelle note con certezza, oltre a Salgesch sorgevano a Compesiéres, Ginevra, La Chaux e Bâle. Quando ne entrarono in possesso gli Ospitalieri di San Giovanni alla fine del XII secolo, ad esse si aggiunsero l'Ospizio Vecchio sul Sempione, Montbrelloz, Auvergne, Fribourg, Bienne, Leuggern, Klingnau, Thunstetten, Buchsee, Hohenrain, Biberstein, Bubikon, Tobel, Küsnacht, Wädenswil, Reiden, Rheinfelden e Monte Ceneri (oggi in Italia).


BIBLIOGRAFIA:

Aa. Vv., Una strada lunga 1800 anni, ACOI, 1997

Aa.Vv., C'era una volta... Vogogna, ACOI, 2000

Tullio Bertramini, La chiesa e l'ospizio di S. Bernardo di Premia, in "Oscellana", 1991

Forni S. e Broggini R., Pellegrinaggi a Santiago De Compostella – Tracce a ovest del Verbano, Verbanus nr. 25, 2004

Enrico Rizzi, Il porto della masone di Vogogna e la Commenda dei Cavalieri di Malta, in "Oscellana", 1975

Enrico Rizzi, I Walser, 2003

Massimo Centini, I Templari in Piemonte, 2011

Elena Bellomo, I templari in Italia Nord Occidentale, 2008

Bianca Capone, quandi in Italia c'erano i Templari: Italia settentrionale, 1997

Luigi Avonto, I Templari in Piemonte: ricerche e studi per una storia dell'Ordine del Tempio in Italia, 1982

Peter Partner, I Templari, 1991

Robert Serrou, L'Ordre de Malte, 1963

Alain Demurger, I cavalieri di Cristo: gli ordini religioso-militari del Medioevo (XI-XVI secolo), 2004

Bertrand Galimard Flavigny, Histoire de l'Ordre de Malte, 2006

Alan Butler e Steven Dafoe, Warriors and the Bankers: A History of the Knights Templar from 1307 to the Present, 1999

Giovanni De Maurizi, Memorie Storiche di Premia, 1925

Paolo Volorio, L'ospizio di S. Bernardo sulla via del Gries, 2008

Vota questo articolo
(3 Voti)
Francesco Teruggi

Scrittore e giornalista pubblicista. Direttore delle collane "Malachite", "Agata" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), co-autore del saggio "Mai Vivi Mai Morti" (2015), autore del saggio "La Testa e la Spada. Studi sull'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni" (2017). Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT.

Leggi qui la biografia completa

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente. Ti prego di non inserire commenti offensivi, pena la cancellazione immediata.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

CERCA NEL BLOG

 
IL MIO NUOVO LIBRO!

La Testa e La Spada

Studi su Cavalieri

dell'Ordine

di San Giovanni

TestaSpada 3d 449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-331-5
Pagine: 128
Uscita: Marzo 2017

 

I MIEI LIBRI

 

Mai Vivi Mai Morti

MaiViviMaiMorti 3d449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 144
Anno di edizione: 2015

 

Deen Thaang - Il viaggiatore

DTcover449-3d
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 256, 300 immagini a colori
Anno di edizione: 2014
 
 
Il Graal e La Dea
 
GraalDea3Dtransp
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-081-9
Pagine: 256, a colori
Anno di edizione: 2012

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

FTQrcode

Inquadra il codice con il cellulare,
clicca e naviga sul mio blog dal tuo
dispositivo mobile!

Se non disponi del lettore vai su
http://www.i-nigma.mobi/
oppure cercalo negli appstore

NEWS DAL MONDO

  • La prima opera d'arte ha 500.000 anni
    Un'incisione ritrovata in Indonesia proverebbe che Homo erectus aveva capacità cognitive molto più complesse di quanto si è ritenuto finora. Una serie di linee incise a zig-zag su una conchiglia potrebbe rivoluzionare le nostre conoscenze su quelle che consideriamo le…
    Scritto Domenica, 28 Dicembre 2014 14:16 Letto 2858 volte
  • Scoperta divinità romana sconosciuta
    Un dio romano sconosciuto è stato recentemente portato alla luce in un santuario nel sud-est della Turchia. Il bassorilievo del I secolo a.C., di un enigmatico dio barbuto che emerge da un fiore o pianta, è stato scoperto presso il…
    Scritto Venerdì, 28 Novembre 2014 07:52 Letto 2795 volte
  • La tomba di un faraone egiziano sconosciuto
      Un team di ricercatori composto da archeologi della University of Pennsylvania e del Ministero Egiziano delle Antichità ha portato alla luce la tomba di un faraone non ancora conosciuto nei pressi della sacra città di Abydos, 300 miglia a…
    Scritto Martedì, 04 Febbraio 2014 17:12 Letto 3422 volte
  • Ritrovata la tomba di Imhotep
     la piramide a gradoni di Saqqara, in Egitto, dove si trova una vasta necropoli, situata a circa 30 km a sud della capitale Il Cairo. Piramide eretta come sepolura del faraone Gioser, della terza dinastia.Il Cairo - L' Egitto continua…
    Scritto Sabato, 29 Giugno 2013 17:09 Letto 4173 volte
  • Forse scoperta la più antica civiltà europea
    Un team di archeologi dell'Accademia Bulgara delle Scienze, ha trovato alcuni elementi di prova che potrebbero confermare il ritrovamento della più antica civiltà d'Europa. La scoperta è stata fatta in un sito nei pressi della città di Pazardzhik, nel sud…
    Scritto Domenica, 23 Dicembre 2012 16:40 Letto 3666 volte

LogoSogitS.O.G.IT Verbania

Siti amici

Ladolfi Editore
Selezione e rarità per contraddistinguere libri di narrativa, storia, traduzione, critica e arte, apprezzati a livello nazionale ed internazionale.

Atelier
Trimestrale di poesia, letteratura e critica

Tre di Croppo
Gli amici della montagna

Marco Posa - Shiatsu a Como
Lo shiatsu è una disciplina evolutiva. Valorizza le risorse vitali di ambedue le persone coinvolte nella pratica, permettendone la migliore espressione secondo le potenzialità, i tempi e le modalità peculiari di ciascuno.

Chiavenna 1853
Le pagine di questo blog raccontano un'esperienza di studio e di lavoro dalla quale poter attingere informazioni e considerazioni storico-culturali, socio-economiche, geografiche ed urbanistiche della città, messe in evidenza dallo sviluppo di un complesso sistema informativo geografico.

KarmaNews
Un magazine per conoscersi e per trovare la via del sé

Solar Terrestrial Data


Created by PA4RM

tagoreDeve essere lo scopo a cui tende tutta intera la nostra vita: in tutti i nostri pensieri e in tutte le nostre azioni dobbiamo avere la coscienza dell'Infinito.

- Tagore -

 

Blog segnalato su

  Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog

Aggregato su aggregablog

img 20bec1108c

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Booktrailers - Promuovi gratis il tuo libro

CIDOT22

LogoItaMist500

LogoEcoRisRid

LuoghiMisteriosi

LogoKiwa

STORIE

  • Come ti concio Is Concias (e non solo)
    Come ti concio Is Concias (e non solo) Crescono esponenzialmente gli atti di vandalismo ai danni dei siti archeologici sardi. I più recenti riguardano soprattutto la preziosa Tomba dei Giganti di Is Concias, nel cagliaritano. [View the story "Come ti concio Is Concias (e non solo)" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 25 Settembre 2013 13:40 Letto 3697 volte
  • Stregoneria africana
    Stregoneria africana In Africa la stregoneria è attuale, più di quanto si creda, anche dove sono giunti il "progresso" e la "globalizzazione". Questa è una "carrellata" di servizi televisivi e inchieste sul fenomeno [View the story "Stregoneria moderna in Africa" on Storify]
    Scritto Lunedì, 19 Novembre 2012 13:39 Letto 4448 volte
  • La soglia: varcare la porta stretta
    La soglia: varcare la porta stretta Varcare una soglia è un gesto prezioso. Tutte le culture e tradizioni, antiche e nuove del pianeta si sono soffermate su questo aspetto. Ecco una breve galleria fotografica di soglie da tutto il globo. [View the story "La soglia: varcare la porta stretta" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 17 Ottobre 2012 13:38 Letto 3513 volte
  • SATOR - il quadrato magico
    SATOR - il quadrato magico Quanti quadrati magici "Sator Arepo Tenet Opera Rotas" sono stati scoperti? Di quali e quanti tipi? Da dove vengono? Che significato avevano? [View the story "SATOR" on Storify]
    Scritto Martedì, 16 Ottobre 2012 13:34 Letto 4069 volte

Radio Propagations


Solar X-rays:
Status
Geomagnetic field:
Status
D-Region Absorption
Prediction:
Status
Created by PA4RM

bernardoTu troverai più nei boschi che nei libri. Alberi e rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà. Pensi forse che non potresti succhiare miele da una pietra né olio dalla roccia più dura? Non lasciano le montagne gocciolare giù dolcezza? Non sgorgano dai colli latte e miele? Sono talmente tante le cose che potrei raccontarti. Riesco a stento a trattenermi.

- San Bernardo di Chiaravalle, epistola 106 -

 

Archivio articoli

« Maggio 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

Siti consigliati

SACRED TEXTS ARCHIVE
Testi introvabili della tradizione orientale e occidentale

IN QUIETE - il sito di Gianfranco Bertagni
Filosofia, teologia, simbologia, testi della tradizione

IL SITO DEL MISTERO
Notizie, curiosità e ricerche del Cavaliere Vermiglio

MUSICA E SPIRITO
Ricerche sulla musica e sull'anima

ULTIMA FRONTIERA DELLA CONOSCIENZA
Psicologia, archetipi, religioni, mitologia, geobiologia,architettura sacra, archeologia, storia

MARIO ERMINI BURGHINER e i MAZARÖCC
Musica dialettale valligiana in salsa internazionale

ALCHEMICAL EMBLEMS, OCCULT DIAGRAMSAND MEMORY ARTS
Images from Medieval, Renaissance, Early Modern,and Contemporary Esoteric Traditions

LA MELAGRANA
Pagina indipendente di cultura esoterica

GOZZANO METEO
Il meteo del basso cusio in tempo reale

FrancescoTeruggi.com - Copyright © 2012 Francesco Teruggi - Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Testi, foto, video e ogni altro contenuto sono proprietà esclusiva di Francesco Teruggi, salvo eventuali ed espresse specificazioni di diversa provenienza.