Ti trovi qui:Home>Personaggi>Magdalena - La leggenda dei Sette di Betania
A+ A A-

Magdalena - La leggenda dei Sette di Betania

 

Lo so che ne hanno parlato in lungo e in largo, ma ve la voglio raccontare a modo mio.

 

Fuggirono in Sette dalla Terra Santa e approdarono in Provenza. Erano Lazzaro, Massimino, Sidonio, Maria Jacobè, Maria Salomè, Marta e Maria Magdalena

Sulla figura leggendaria e misteriosa di Maria Maddalena, molto si è detto, molto si è scritto e molto si è favoleggiato. Annoverata tra le prime donne al seguito di Gesù e dei suoi discepoli, peccatrice da cui fuoriuscirono ben sette demoni, amica del Cristo secondo il Vangelo di Filippo, fu elevata, con il testo gnostico noto come Codex Askewianus o Pistis Sophia, addirittura a principale strumento di trasmissione della «conoscenza», della «gnosis», della «vera scienza».

Ed è su questo suo ruolo che, in tempi recenti libri, saggi e romanzi hanno costruito la fortunata teoria di Maria di Magdala quale «sposa» di Gesù1 e quindi prosecutrice materiale di quella linea di sangue «santo», «sang real» da cui deriverebbe «Santo Graal».

 Ma chi era, davvero, questa Maria di Magdala o Magdalena, di cui tanto si favoleggia e racconta?Intanto, sembra che per lungo tempo la Chiesa abbia conservato memoria2 di non una, ma addirittura tre, Maria Maddalena. Le Scritture infatti restituiscono l'immagine di tre diverse nature di questa donna giudea, talmente nette e distanti tra loro, da far credere che appartenessero a tre differenti persone. Così, alla peccatrice perdonata da Cristo si consacravano i monaci dell'ordine dei Penitenti di Maria Magdalena, le Maddaleniane irlandesi o le Sorelle di Betania nel XIII secolo.

Alla donna contemplativa, che giaceva ai piedi di Gesù per ascoltarlo e che fu redarguita dalla sorella Marta, si ispirarono probabilmente alle figurazioni della mitica Maria Egiziaca3 e gli eremiti del deserto nel Medioevo.

Infine, alla prima delle donne accorse al Sepolcro (dette «mirofore» perché portavano con loro vasi colmi di unguenti), cui il Cristo Risorto apparve dopo averlo a lungo cercato e chiamato, fu riservata l'adorazione nelle cattedrali di Vezelay e di Saint Maximin nel Medioevo.

Maria Maddalena penitente
(Francesco Hayez 1832)

Santa Maria Egiziaca
Jusepe de Ribeira detto lo Spagnoletto, 1651)

 È quantomeno interessante come questi tre «volti» della Magdalena paiano plasmati sui quei tre principi universali che in Oriente, ad esempio, vengono indicati come YIN, YANG e TAI-SU, passivo, attivo e alternanza/ritmo, rispettivamente.

Se al primo corrisponde senz'altro il carattere contemplativo di Maria di Magdala (YIN) e alla donna in cerca del Cristo il principio attivo (YANG), la peccatrice redenta, mostra, con la sua duplice natura e il «cambiamento di stato», la trasformazione, il manifestarsi del ritmo (TAI-SU).

Di certo, la «storia» della Magdalena, tanto quella raccontata nei Vangeli, quanto quella riportata nelle cronache successive, è anche quella del famoso Lazzaro dei Vangeli e di sua sorella Marta.

I tre erano fratelli e vivevano nella stessa casa a Betania. Secondo la tradizione mediorientale, Maria di Magdala sarebbe morta a Efeso presso la tomba dei Sette Dormienti e il suo corpo sarebbe poi stato trasferito a Costantinopoli.

I Sette Dormienti (miniatura medievale)

Nel 1953, però, una scoperta casuale nei dintorni di Gerusalemme, presso il monastero annesso alla chiesa del «Domine Flevit», sul Monte degli Ulivi, rivelò l'esistenza di una vasta e importante necropoli protocristiana.

Durante gli scavi, immediatamente intrapresi, furono rinvenuti per la prima volta monogrammi del Cristo (che consentirono di datare la necropoli al 70 d.C. circa) mai individuati prima in Terra Santa. Tra le tombe affiorò poi un sarcofago integro e «scomodo», che portava il nome di «Simone Bar Jona», Simone figlio di Giona, il Simon Pietro delle scritture, l'apostolo fondatore della chiesa di Roma. Quelli vicini erano intitolati a Maria, Marta e Lazzaro. La faccenda rimane tutt'ora irrisolta.

ScaviDOmusFlevit

Senza dubbio, comunque, la tradizione più fiorente sulla Maddalena e i suoi fratelli è quella, altrettanto antica delle altre, che lega indissolubilmente la Giudea alla Provenza. Le prime narrazioni risalgono al vescovo di MagonzaRabano Mauro (VIII sec.) e alla Legenda Aurea di Jacopo da Varagine.

Stando alle fonti, i tre sarebbero stati imprigionati durante le persecuzioni romane in un anno imprecisato tra il 44 e il 49 d.C. Invece di essere giustiziati, i legionari li avrebbero legati su una piccola imbarcazione e abbandonati alle onde. Con Maria, Marta e Lazzaro ci sarebbero stati anche Maria Jacobè (Maria di Cleofa, madre degli apostoli Giacomo il minore e Giuseppe), Maria Salomè4 (moglie di Zebedeo e madre degli apostoli Giacomo il maggiore e Giovanni), Massimino (uno dei 72 discepoli) e Sidonio (il cieco nato delle Scritture, guarito da Gesù).

Il gruppo sarebbe quindi stato composto da sette persone. Altrettanto San Giacomo il maggiore sarebbe giunto a Compostela dopo sette giorni di navigazione o accompagnato da sette fuggitivi, somiglianze numeriche tutt'altro che casuali. Infatti, secondo un'altra tradizione, la testa del santo sarebbe stata addirittura tra le reliquie che Maria Jacobè e Maria Salomè, insieme ai compagni di sventura, avrebbero portato con sé dalla Palestina.

Le «Sante Marie » sull'imbarcazione con cui giunsero in Camargue

L'improvvisata «comitiva» di condannati provenienti da Betania, miracolosamente salvata dai flutti, sarebbe poi approdata dopo una lunga peregrinazione su una spiaggia alle foci del Rodano, nel Sud della Francia. Come più volte è stato fatto notare, la «leggenda» in qualche modo ricalca la storia, perché è noto che la cristianizzazione della Provenza avvenne già nei primi decenni dopo i fatti della Passione, eventualità supportata dalla data certa di morte dei primi martiri della Chiesa, Ireneo (Santo e venerato tra i Padri della Chiesa) e Blandina, avvenuta nel 177 ad Avignone. Ad Arles poi si tenne il primo Concilio Ecumenico della storia.

Raggiungono, dunque la spiaggia, che è quella di un'isola di nome Ratis, su cui pare sorgesse un antico tempio dedicato ad Astarte o forse a Diana d'Efeso, poi trasformato in un mitreo romano. E qui, la storia si complica. Secondo la Leggenda delle Sante Marie, redatta daVincent Philippon nel 1521, ad accogliere la comitiva c'era una giovane di nome Sara che, avendo visto l'imbarcazione in difficoltà tra i flutti, avrebbe steso sull'acqua il proprio mantello per aiutare i nuovi venuti a raggiungere la riva5.

Sul luogo dell'approdo, secondo quanto scrivono Durand de Mende nel Rationale Divinorum Officiorum e Gervasio di Tillbury nel De Otio Imperiali, entrambi del XIII secolo, Massimino avrebbe eretto il primo altare cristiano della Gallia per celebrarvi messa.

Santa Sara, serva e compagna delle due Marie, patrona dei Gitani

Successivamente, i sette si dividono. Maria Salomè e Maria Jacobè decidono di fermarsi sul luogo dell'approdo, per predicare la «Buona Novella» agli abitanti della zona. Con loro rimane Sara, ormai loro serva e compagna, mentre un'altra fanciulla emerge dai meandri oscuri della storia, Marcella6, che diventa servitrice di Marta e Maria di Magdala. Da questo momento i Sette di Betania diventano nella tradizione nove, due gruppi di tre donne e un gruppo di tre uomini, altro curioso riferimento numerico.

Prendono tre diverse strade. Lazzaro, Maddalena, Sidonio e Massimino si dirigono verso Marsiglia, inizialmente via mare per poi approdare a est di Cap Couronne, dove esiste ancora un'antichissima cappella dedicata alla Santa Croce e proseguire via terra. Marta invece si incammina sulla strada per Arles. Le due Marie, infine, rimaste sole a Ratis, per prima cosa, dove prima sorgeva il semplice altare, fanno erigere un modesto oratorio in cui celebrare i riti cristiani. Poi si dedicano per il resto della vita all'opera di cristianizzazione della Camargue, insieme agli altri futuri santi cristiani giunti in Francia7.

Continua ---> Le vicende dei Sette di Betania

 

 


NOTE

1La prima menzione esplicita di questo suo ruole risale probabilmente agli Annali del monaco cistercense Rainaldo, del XIII secolo, in cui si racconta che i Catari, in secreto suo (nel loro credo segreto) ritengono che Magdalena sia la «concubina» di Gesù nonchè l'adultera di cui si racconta nei Vangeli.

2La critica ha denominato il problema «questione delle tre marie».

3L'apocrifo «Vita Apostolica« o «Atti di Maria Maddalena e San Massimino« sembra essere stato plasmato almeno in parte su un testo più antico, il «Vita Ermetica» dedicato a Maria Egiziaca. Da qui proviene forse la lunga tradizione di rappresentazioni della Maddalena e di Maria Egiziaca entrambe con accanto ad un teschio.

4Secondo la leggenda narrata da Haymo di Auxerre nel IX secolo, riportata nella Legenda Aurea da Jacopo da Varagine e poi rigettata dal Concilio di Trento, Maria Salomè e Maria Jacobè sarebbero sorelle di Maria di Nazareth, e ciascuna sarebbe stata concepita da Santa Anna con un diverso marito.

5Secondo un'altra versione, Sara avrebbe raggiunto in ritardo la spiaggia dalla quale i sette stavano partendo e sarebbe stata Marta, mossa a compassione dalle suppliche della servitrice, a stendere il mantello sulle acque per consentire a Sara di arrivare fino all'imbarcazione.

6Viene citata tra i Santi di Betania in un passaggio delle visioni della beata Anna Katharina Emmerick (1774-1824) che li riguarda.

7Ad Arles giunse Trofimo, che aveva conosciuto le due Marie in Giudea e che pare si sia recato ad incontrarle a Ratis, per dare loro il conforto dell'Eucaristia; a Narbonne, Paolo di Tarso; a Limonge, Marziale; Austremonio a Clermont; Gatieno a Tours; Saturnino a Tolouse; Valerio a Treves.

 


BIBLIOGRAFIA

 

Yves Bridonneau, The Tomb of Mary-Magdalene Saint-Maximin-la-Sainte-Baume: Christianity's third more important tomb, 2006

A.Chapelle, Les Saintes-Maries-De-la-Mer L'église et le pèlerinage, 1997

Nicole Lazzarini, Contes et légendes de Provence, 2002

Géraldine Dubois-Galabrun e Pierre-Emmanuel Duret, La Sainte Baume, 2009

Ernest Ingersoll, Dragons and Dragon Lore, 1928

Michel Moncault, La Basilique Sainte-Marie-Madeleine et le Couvent Royal, 1985

Francis Salet, Le Madeleine de Vezelay, 1948

Hugues Delautre, La Madeleine de Vézelay: guide book and plans, 1983

Vota questo articolo
(1 Vota)
Francesco Teruggi

Scrittore e giornalista pubblicista. Direttore delle collane "Malachite", "Agata" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), co-autore del saggio "Mai Vivi Mai Morti" (2015), autore del saggio "La Testa e la Spada. Studi sull'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni" (2017). Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT.

Leggi qui la biografia completa

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente. Ti prego di non inserire commenti offensivi, pena la cancellazione immediata.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

CERCA NEL BLOG

 
IL MIO NUOVO LIBRO!

La Testa e La Spada

Studi su Cavalieri

dell'Ordine

di San Giovanni

TestaSpada 3d 449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-331-5
Pagine: 128
Uscita: Marzo 2017

 

I MIEI LIBRI

 

Mai Vivi Mai Morti

MaiViviMaiMorti 3d449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 144
Anno di edizione: 2015

 

Deen Thaang - Il viaggiatore

DTcover449-3d
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 256, 300 immagini a colori
Anno di edizione: 2014
 
 
Il Graal e La Dea
 
GraalDea3Dtransp
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-081-9
Pagine: 256, a colori
Anno di edizione: 2012

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

FTQrcode

Inquadra il codice con il cellulare,
clicca e naviga sul mio blog dal tuo
dispositivo mobile!

Se non disponi del lettore vai su
http://www.i-nigma.mobi/
oppure cercalo negli appstore

NEWS DAL MONDO

  • La prima opera d'arte ha 500.000 anni
    Un'incisione ritrovata in Indonesia proverebbe che Homo erectus aveva capacità cognitive molto più complesse di quanto si è ritenuto finora. Una serie di linee incise a zig-zag su una conchiglia potrebbe rivoluzionare le nostre conoscenze su quelle che consideriamo le…
    Scritto Domenica, 28 Dicembre 2014 14:16 Letto 2973 volte
  • Scoperta divinità romana sconosciuta
    Un dio romano sconosciuto è stato recentemente portato alla luce in un santuario nel sud-est della Turchia. Il bassorilievo del I secolo a.C., di un enigmatico dio barbuto che emerge da un fiore o pianta, è stato scoperto presso il…
    Scritto Venerdì, 28 Novembre 2014 07:52 Letto 2929 volte
  • La tomba di un faraone egiziano sconosciuto
      Un team di ricercatori composto da archeologi della University of Pennsylvania e del Ministero Egiziano delle Antichità ha portato alla luce la tomba di un faraone non ancora conosciuto nei pressi della sacra città di Abydos, 300 miglia a…
    Scritto Martedì, 04 Febbraio 2014 17:12 Letto 3566 volte
  • Ritrovata la tomba di Imhotep
     la piramide a gradoni di Saqqara, in Egitto, dove si trova una vasta necropoli, situata a circa 30 km a sud della capitale Il Cairo. Piramide eretta come sepolura del faraone Gioser, della terza dinastia.Il Cairo - L' Egitto continua…
    Scritto Sabato, 29 Giugno 2013 17:09 Letto 4342 volte
  • Forse scoperta la più antica civiltà europea
    Un team di archeologi dell'Accademia Bulgara delle Scienze, ha trovato alcuni elementi di prova che potrebbero confermare il ritrovamento della più antica civiltà d'Europa. La scoperta è stata fatta in un sito nei pressi della città di Pazardzhik, nel sud…
    Scritto Domenica, 23 Dicembre 2012 16:40 Letto 3804 volte

LogoSogitS.O.G.IT Verbania

Siti amici

Ladolfi Editore
Selezione e rarità per contraddistinguere libri di narrativa, storia, traduzione, critica e arte, apprezzati a livello nazionale ed internazionale.

Atelier
Trimestrale di poesia, letteratura e critica

Tre di Croppo
Gli amici della montagna

Marco Posa - Shiatsu a Como
Lo shiatsu è una disciplina evolutiva. Valorizza le risorse vitali di ambedue le persone coinvolte nella pratica, permettendone la migliore espressione secondo le potenzialità, i tempi e le modalità peculiari di ciascuno.

Chiavenna 1853
Le pagine di questo blog raccontano un'esperienza di studio e di lavoro dalla quale poter attingere informazioni e considerazioni storico-culturali, socio-economiche, geografiche ed urbanistiche della città, messe in evidenza dallo sviluppo di un complesso sistema informativo geografico.

KarmaNews
Un magazine per conoscersi e per trovare la via del sé

Solar Terrestrial Data


Created by PA4RM

tagoreDeve essere lo scopo a cui tende tutta intera la nostra vita: in tutti i nostri pensieri e in tutte le nostre azioni dobbiamo avere la coscienza dell'Infinito.

- Tagore -

 

Blog segnalato su

  Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog

Aggregato su aggregablog

img 20bec1108c

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Booktrailers - Promuovi gratis il tuo libro

CIDOT22

LogoItaMist500

LogoEcoRisRid

LuoghiMisteriosi

LogoKiwa

STORIE

  • Come ti concio Is Concias (e non solo)
    Come ti concio Is Concias (e non solo) Crescono esponenzialmente gli atti di vandalismo ai danni dei siti archeologici sardi. I più recenti riguardano soprattutto la preziosa Tomba dei Giganti di Is Concias, nel cagliaritano. [View the story "Come ti concio Is Concias (e non solo)" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 25 Settembre 2013 13:40 Letto 3842 volte
  • Stregoneria africana
    Stregoneria africana In Africa la stregoneria è attuale, più di quanto si creda, anche dove sono giunti il "progresso" e la "globalizzazione". Questa è una "carrellata" di servizi televisivi e inchieste sul fenomeno [View the story "Stregoneria moderna in Africa" on Storify]
    Scritto Lunedì, 19 Novembre 2012 13:39 Letto 4655 volte
  • La soglia: varcare la porta stretta
    La soglia: varcare la porta stretta Varcare una soglia è un gesto prezioso. Tutte le culture e tradizioni, antiche e nuove del pianeta si sono soffermate su questo aspetto. Ecco una breve galleria fotografica di soglie da tutto il globo. [View the story "La soglia: varcare la porta stretta" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 17 Ottobre 2012 13:38 Letto 3660 volte
  • SATOR - il quadrato magico
    SATOR - il quadrato magico Quanti quadrati magici "Sator Arepo Tenet Opera Rotas" sono stati scoperti? Di quali e quanti tipi? Da dove vengono? Che significato avevano? [View the story "SATOR" on Storify]
    Scritto Martedì, 16 Ottobre 2012 13:34 Letto 4241 volte

Radio Propagations


Solar X-rays:
Status
Geomagnetic field:
Status
D-Region Absorption
Prediction:
Status
Created by PA4RM

bernardoTu troverai più nei boschi che nei libri. Alberi e rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà. Pensi forse che non potresti succhiare miele da una pietra né olio dalla roccia più dura? Non lasciano le montagne gocciolare giù dolcezza? Non sgorgano dai colli latte e miele? Sono talmente tante le cose che potrei raccontarti. Riesco a stento a trattenermi.

- San Bernardo di Chiaravalle, epistola 106 -

 

Archivio articoli

« Luglio 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Siti consigliati

SACRED TEXTS ARCHIVE
Testi introvabili della tradizione orientale e occidentale

IN QUIETE - il sito di Gianfranco Bertagni
Filosofia, teologia, simbologia, testi della tradizione

IL SITO DEL MISTERO
Notizie, curiosità e ricerche del Cavaliere Vermiglio

MUSICA E SPIRITO
Ricerche sulla musica e sull'anima

ULTIMA FRONTIERA DELLA CONOSCIENZA
Psicologia, archetipi, religioni, mitologia, geobiologia,architettura sacra, archeologia, storia

MARIO ERMINI BURGHINER e i MAZARÖCC
Musica dialettale valligiana in salsa internazionale

ALCHEMICAL EMBLEMS, OCCULT DIAGRAMSAND MEMORY ARTS
Images from Medieval, Renaissance, Early Modern,and Contemporary Esoteric Traditions

LA MELAGRANA
Pagina indipendente di cultura esoterica

GOZZANO METEO
Il meteo del basso cusio in tempo reale

FrancescoTeruggi.com - Copyright © 2012 Francesco Teruggi - Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Testi, foto, video e ogni altro contenuto sono proprietà esclusiva di Francesco Teruggi, salvo eventuali ed espresse specificazioni di diversa provenienza.