Ti trovi qui:Home>Ritualia>Pensieri sufistici
A+ A A-

Pensieri sufistici

 

Riflettendo tra uno studio e l’altro, tra una data e un ritrovamento, un test e un calcolo astronomico, ho pensato a questo: discutiamo del Mondo e addirittura dell’Universo, di Dio e degli Angeli, di principi e di morale e di mille e mille altre cose. Ci perdiamo, noi diogeni lanternati, a disquisire di liberazione, di annientamento della personalità e di depolarizzazione. Ci offriamo di promuovere un qualche nuovo piano di esistenza che deve ancora venire se mai verrà, oppure a diventare messaggeri e paladini di incommensurabili esseri che compiono viaggi siderali per salvarci dalle catastrofi. E non paghi, elargiamo con munificenza elisir, e mirabilanti pozioni, quali soluzioni per ogni infantilismo da cui l’uomo è - ahimè - ammorbato. Non che la scienza, d’altra parte, riesca a fare di meglio, travolta com’é da quel “cogitare” che a dire di molti giustificherebbe l’essere.

Eppure i pensieri nascono, crescono, invecchiano e muoiono... sono solo brandelli di esistenza, localizzazioni, forme caduche. Nonostante questo “è [considerato] sciocco un Papalagi che non pensa, anche se invece è saggio chi non pensa e trova la sua strada”.

 

 

Già, perché il pensiero è elaborazione. È solo il rimescolamento di qualcos’altro, che ci piaccia o no: tutti gli ingredienti che compongono ogni singolo pensiero in ogni singolo istante di ogni singolo giorno di ogni singola vita umana, sono il prodotto di cinque semplici sensi, senza i quali saremmo ciechi e sordi, senza i quali ci sarebbe impossibile toccare, accarezzare e tirare pugni, gustare un dolce, farci avvolgere da un profumo o annebbiare da un olezzo.

E se andiamo oltre ci accorgeremo che i recettori delle onde sonore sono cellule, le papille gustative sono cellule, i peduncoli dell’olfatto sono cellule, i sensori sulla pelle sono cellule, i fotorecettori negli occhi sono... cellule. Bello sforzo, direte, lo sanno tutti. E sanno anche che l’unica caratteristica che differenzia queste da tutti gli altri milioni di cellule di un qualunque corpo umano è che sono “specializzate” nel captare solo un certo di tipo di frequenze, di vibrazioni.

E quindi? Avete presente i fotorecettori che abbiamo negli occhi? Catturano la luce, già si sa. Ma siccome la luce è molto molto più veloce del cervello - e dei pensieri che incessantemente fabbrica - se la catturassero tutta, i neuroni “fonderebbero”. Sicché, questi recettori si accollano il duro lavoro di limitare la ricezione ad un massimo di 60 impulsi al secondo (se volete chiamarli hertz o fotogrammi va bene uguale), contro gli INFINITI impulsi che li raggiungono.

Ma ovviamente ci somministrano la storiella puerile che i nostri occhi non hanno bisogno di recepire più di quei 60 impulsi al secondo perché il resto lo colmiamo agevolmente con la “persistenza retinica” che, comunque, ci impedirebbe di vedere tutti gli altri. E la persistenza retinica infatti a cosa serve? A preservare, come “una sana e consapevole [...]” (che ha in effetti un certo grado di persistenza), il cervello “dallo stress e dall’azione cattolica”.

A proposito lo sapevate vero che “cattolica” deriva da “catolikos” che significa “universale” nel senso di “tutto intero”?

L’ovvia conclusione è che, dunque, i nostri cinque sensi sono fatti per “rallentare” quello che il mondo, l’universo intero dice, in modo che ci diventi comprensibile. Invece, sfortunatamente, pensando deformiamo anche quelle poche informazioni. Pensiamo che però con il pensiero abbiamo inventato e costruito dei sensi meccanici alternativi con cui vediamo e sentiamo perfino le galassie lontane. Peccato solo che questi strumenti siano concepiti e fabbricati “a immagine e somiglianza” dei nostri limitati cinque sensi.

Ma noi umani abbiamo pensato. Questo è quanto.

Bene, siccome anch’io continuo a pensare, mi sta già venendo un nuovo pensiero. Le mie - e di qualunque essere umano e non solo - cellule specializzate ci sentono poco perché sono specializzate a sentire poco. E le altre che questa specializzazione non ce l’hanno, allora?

Capperi! Non sarà che sentono di più?

Non sarà che, se non possono rallentare niente e nessuno, le altre cellule sentono tutto, ma proprio tutto e non possono fare a meno di sentirlo? Bello. Se non fosse che le altre cellule non sono direttamente collegate al cervello. come i recettori dei cinque sensi. E per altro, il cervello non sarebbe in grado di elaborare quel tutto. Non potrebbe pensarlo.

Allora, forse, è vero: per cominciare a “sentire” bisogna venir meno ai propri pensieri, quindi il regno dell'esistenza prescinde dai pensieri.

Pensiamoci un attimo...

L’hanno detto tanto i mistici quanto gli scienziati ed è un punto fermo: tutto ciò che esiste è movimento. Quando “qualcosa” dona la “massa” al movimento, questo diventa materia. Non ci piove.

Ma i mistici - che poco pensavano e tanto contemplavano - dicevano anche che, se tutto è movimento, deve per forza essersi originato da una “fissità” inziale.

Postuliamolo chiaramente:

Il movimento rende attiva una parte dell'immobilità originaria, producendo sempre maggior dinamismo e vita. Infatti ogni movimento origina dall'immobile e produce vibrazioni stratificate e articolate in più livelli, man mano che si allontanano dall’origine stessa.

Di conseguenza:

le vibrazioni prodotte dal movimento sono tutte uguali, ma si differenziano tra loro nel tono e nel ritmo, a seconda della quantità di forza che le trasporta lontano dall'origine.

Che in altri termini equivale a dire:

i regni minerale, vegetale e animale rappresentano gradazioni graduali delle vibrazioni nella forma e nel suono e ritmo.

“Ritmo” è un’altra parolina magica da tenere bene a mente e nel cuore. Infatti le vibrazioni vibrano. E perché mai vibreranno? Perché sono un’alternanza ritmata di polarità. Come quelle della pila, della corrente elettrica e del magnete.

Bene, “fissiamo” anche questo:

Le vibrazioni hanno in sé due polarità. Esse sono plus (fine) e minus (grossolano), ed entrambe sviluppano infinite gradazioni, secondo il ritmo proprio.

Aspetta, aspetta! Ma allora anche il nostro corpo e le cellule che lo compongono, specializzate o meno a sentire, sono in fondo in fondo vibrazioni!

Eh, già. siamo formato da miriadi di frequenze

che vanno per gradi infinitesimali nello spettro compreso tra plus e minus...

Ecco dunque. I nostri sensi sono vibrazioni che rallentano vibrazioni per renderle comprensibili a vibrazioni ancora più lente. Il che equivale a dire che per “sentire” la luce nella sua pienezza e interezza i miei occhi dovrebbero essere quella stessa, identica vibrazione. Ma non sono così quindi ne percepiscono solo una parte.

Infatti le nostre cellule riescono a sentire in modo specializzato solo oltre (o entro) una certa soglia. Superata questa o al di sotto di essa, ci sono solo valori scevri da giudizi mentali...

Quale parte perciò si percepisce con sensi? Quella che basta per sopravvivere, per vivere “sopra la non-vita”, per far funzionare il corpo in modo che possa individuare i frutti sugli alberi e coglierli per mangiarli o difendersi un animale scorgendolo da lontano.

Uff! Anche così però - andando a parlar di spirito, di divino e di mondi superiori - di Dio non c’é traccia. Dovrei sentire tutto l’universo, ma sono fatto di tre dimensioni e di vibrazioni tripolari, quindi a certi piani non ci arriverei mai. Le vibrazioni più lente posso percepirle a singhiozzo con il corpo fisico o primo corpo, quelle un poco più rapide con la mente, il secondo corpo, che è più veloce. Quelle ancor più mobili dovrei sentirle con l’anima, sempre che io ne abbia una.

Ma i conti non tornano, perché l’anima è una scintilla divina e quindi è fatta di qualcosa di più alto di sé stessa, che di conseguenza le è impercepibile.

Interessante. Cristallizziamo anche questo concetto prima di perdercelo:

L'anima non può percepire le vibrazioni che la costituiscono...

...ma è la loro azione (tramite ritmo e materia) che può rendere lentamente consapevole l'anima di sé stessa e del progetto desiderato dal creatore

Omioddio.

Da dove è saltata fuori l’ultima frase? Sarà la conoscenza che divenendo auto-conoscenza, diventa autocoscienza?

Omioddio.

Okay, fermiamoci qui.

….Naaaa! Non fa per me. Troppo difficile. Sarò infantile e pure il peggiore di tutti, ma i miei pensieri mi sono cari come fratelli. Il mio spirito fanciullo, anche se s’illude di sentirsi chiamato in causa da certi inviti cristici, ha ancora bisogno di una guida, di qualcuno che gli indichi lo scopo della vita.

Un attimo però, anche questo non è del tutto giusto. Nessuno dovrebbe avere il diritto di dire al mio spirito dove deve andare. Io non sono forse nato libero?

Sì è così, o forse no? Pensare o non pensare quindi?

Mettiamola così.

I pensieri vivono e si esprimono in uno spettro dove esiste un limite in cui essi stessi non riescono e non possono ancora percepirsi con le "normali" capacità a loro affidate.

Così c’é un’unica tecnica di percezione che può funzionare per poter comprendere quel tipo di frequenze: i pensieri devono diventare quelle frequenze che già vivono e si esprimono in loro. Quando lo SARANNO, si avvererà l'unica autocoscienza possibile, il ritorno dell'era del Cinghiale Bianco.

BIBLIOGRAFIA:

HAZRAT INAYAT KHAN, Il misticismo del suono, ed Mediterranee,1994

GEORGE J. GURDIJEFF, I Racconti di Belzebù a suo nipote, Neri Pozza, 2009

PAOLO JACHIA, E ti vengo a cercare: Franco Battiato e il sacro, Ancora, 2005

ERICH SCHEURMANN (trad.), Papalagi: Discorso del Capo Tuiavii di Tiavea delle Isole Samoa, Stampa Alternativa, 1995

AA.VV., La sacra Bibbia Antico e Nuovo Testamento, ed. CEI 2010

RENE GUENON, Il Re del Mondo, Adelphi, 1927

AMADU HAMPTE BA, Vie et enseignement de Tierno Bokar le Sage de Bandiagara, Editions du Seuil, 1980

AA.VV., The Effendi And The Pregnant Pot Uygur Folktales from China, New World Press, 1982

PENSIERI SUFISTICI

Riflettendo tra uno studio e l’altro, tra una data e un ritrovamento, un test e un calcolo astronomico, ho pensato a questo: discutiamo del Mondo e addirittura dell’Universo, di Dio e degli Angeli, di principi e di morale e di mille e mille altre cose. Ci perdiamo a disquisire di liberazione, di annientamento della personalità e di depolarizzazione. Ci offriamo a promuovere un nuovo piano di esistenza che è ancora da venire, oppure a divenire messaggeri di incommensurabili esseri che compiono viaggi siderali per salvarci dalle catastrofi. E non paghi, elargiamo soluzioni per ogni infantilismo da cui l’uomo è - ahimè - ammorbato. Non che la scienza, d’altra parte,possa a fare di meglio, travolta com’é da quel “cogitare” che a dire di molti giustificherebbe l’essere.

Eppure i pensieri nascono, crescono, invecchiano e muoiono... sono solo brandelli di esistenza, localizzazioni, forme caduche. Nonostante questo “è [considerato] sciocco un Papalagi che non pensa, anche se invece è saggio chi non pensa e trova la sua strada”.

Già, perché il pensiero è elaborazione. È solo il rimescolamento di qualcos’altro, che ci piaccia o no: tutti gli ingredienti che compongono ogni pensiero in ogni istante di ogni giorno di ogni vita umana, sono il prodotto di cinque miserevoli sensi, senza i quali saremmo ciechi e sordi, senza i quali ci sarebbe impossibile toccare, accarezzare e tirare pugni, gustare un dolce, farci avvolgere da un profumo o annebbiare da un olezzo.

E se andiamo oltre ci accorgeremo che i recettori delle onde sonore sono cellule, le papille gustative sono cellule, i peduncoli dell’olfatto sono cellule, i sensori sulla pelle sono cellule, i fotorecettori negli occhi sono... cellule. Bello sforzo, direte, lo sanno tutti. E sanno anche che l’unica caratteristica che differenzia queste da tutti gli altri milioni di cellule di un qualunque corpo umano è che sono “specializzate” nel captare solo un certo di tipo di frequenze, di vibrazioni.

E quindi? Avete presente i fotorecettori che abbiamo negli occhi? Catturano la luce, già si sa. Ma siccome la luce è molto molto più veloce del cervello - e dei pensieri che incessantemente fabbrica - se la catturassero tutta, i neuroni fonderebbero. Sicché, questi poveri recettori si accollano il duro lavoro di limitare la ricezione ad un massimo di 60 impulsi al secondo (se volete chiamarli hertz o fotogrammi va bene uguale), contro gli INFINITI impulsi che li raggiungono.

Ma ovviamente ci somministrano la storiella infantile che i nostri occhi non hanno bisogno di recepire più di quei 60 impulsi al secondo perché la “persistenza retinica” ci impedirebbe di vedere tutti gli altri. E la persistenza retinica infatti a cosa serve? A preservare, come “una sana e consapevole [...]” (che ha in effetti un certo grado di persistenza), il cervello, sprovveduto come un giovane “dallo stress e dall’azione cattolica”.

A proposito lo sapevate vero che “cattolica” deriva da “catolikos” che significa “universale” nel senso di “tutto intero”?

L’ovvia conclusione è che, dunque, i nostri cinque sensi sono fatti per “rallentare” quello che il mondo, l’universo dicono, in modo che ci diventi comprensibile. Invece, sfortunatamente, pensando deformiamo anche quelle poche informazioni. Pensiamo che però con il pensiero abbiamo inventato e costruito dei sensi meccanici alternativi con cui vediamo e sentiamo perfino le galassie lontane. Peccato solo che questi strumenti siano concepiti e fabbricati “a immagine e somiglianza” dei nostri soliti cinque sensi.

Ma noi abbiamo pensato. Questo è quanto.

Bene, siccome anch’io continuo irrefrenabilmente a pensare, mi sta già venendo un nuovo pensiero. Le mie - e di qualunque essere umano e non solo - cellule specializzate ci sentono poco perché sono specializzate a sentire poco. E le altre che questa specializzazione non ce l’hanno, allora?

Hey! Non sarà che sentono di più?

Non sarà che, se non possono rallentare niente e nessuno, le altre cellule sentono tutto, ma proprio tutto e non possono fare a meno di sentirlo? Bello. Se non fosse che le altre cellule non sono direttamente collegate al cervello. come i recettori dei cinque sensi. E per altro, il cervello non sarebbe in grado di elaborare quel tutto. Non potrebbe pensarlo.

Allora, forse, è vero: per cominciare a “sentire” bisogna venir meno ai propri pensieri, quindi il regno dell'esistenza prescinde dai pensieri.

Pensiamoci un attimo...

L’hanno detto tanto i mistici quanto gli scienziati ed è un punto fermo: tutto ciò che esiste è movimento. Quando “qualcosa” dona la “massa” al movimento, questo diventa materia. Non ci piove.

Ma i mistici - che poco pensavano e tanto contemplavano - dicevano anche che, se tutto è movimento, deve per forza essersi originato da una “fissità” iniziale.

Postuliamolo chiaramente:

Il movimento rende attiva una parte dell'immobilità originaria, producendo sempre maggior dinamismo e vita. Infatti ogni movimento origina dall'immobile e produce vibrazioni stratificate e articolate in più livelli, man mano che si allontanano dall’origine stessa.

Di conseguenza:

le vibrazioni prodotte dal movimento sono tutte uguali, ma si differenziano tra loro nel tono e nel ritmo, a seconda della quantità di forza che le trasporta lontano dall'origine.

Che in altri termini equivale a dire:

i regni minerale, vegetale e animale rappresentano gradazioni graduali delle vibrazioni nella forma e nel suono e ritmo.

“Ritmo” è un’altra parolina magica da tenere bene a mente e nel cuore. Eh le vibrazioni... vibrano. E perché mai vibreranno? Perché sono un’alternanza ritmata di polarità. Come quelle della pila, della corrente elettrica e del magnete.

Bene, “fissiamo” anche questo:

Le vibrazioni hanno in sé due polarità. Esse sono plus (fine) e minus (grossolano), ed entrambe sviluppano infinite gradazioni, secondo il ritmo proprio.

Aspetta, aspetta! Ma allora anche il nostro corpo e le cellule che lo compongono, specializzate o meno a sentire, sono in fondo in fondo vibrazioni!

Eh, già. siamo formato da miriadi di frequenze

che vanno per gradi infinitesimali nello spettro compreso tra plus e minus...

Ecco dunque. I nostri sensi sono vibrazioni che rallentano vibrazioni per renderle comprensibili a vibrazioni ancora più lente. Il che equivale a dire che per “sentire” la luce nella sua pienezza e interezza i miei occhi dovrebbero essere quella stessa, identica vibrazione. Ma non sono così quindi ne percepiscono solo una parte.

Infatti le nostre cellule riescono a sentire in modo specializzato solo oltre (o entro) una certa soglia. Superata questa o al di sotto di essa, ci sono solo valori scevri da giudizi mentali...

Quale parte perciò si percepisce con sensi? Quella che basta per sopravvivere, per vivere “sopra la non-vita”, per far funzionare il corpo in modo che possa individuare i frutti sugli alberi e coglierli per mangiarli o difendersi un animale scorgendolo da lontano.

Uff! Anche così però - andando a parlar di spirito, di divino e di mondi superiori - di Dio non c’é traccia. Dovrei sentire tutto l’universo, ma sono fatto di tre dimensioni e di vibrazioni tripolari, quindi a certi piani non ci arriverei mai. Le vibrazioni più lente posso percepirle a singhiozzo con il corpo fisico o primo corpo, quelle un poco più rapide con la mente, il secondo corpo, che è più veloce. Quelle ancor più mobili dovrei sentirle con l’anima.

Ma i conti non tornano, perché l’anima è una scintilla divina e quindi è fatta di qualcosa di più alto di sé stessa, che di conseguenza le è impercepibile.

Interessante.

L'anima non può percepire le vibrazioni che la costituiscono...

...ma è la loro azione (tramite ritmo e materia) che può rendere lentamente consapevole l'anima di sé stessa e del progetto desiderato dal creatore

Da dove è saltata fuori l’ultima frase? Sarà la conoscenza che divenendo auto-conoscenza, diventa autocoscienza?

Omioddio.

Okay, fermiamoci qui.

….Naaaa! Non fa per me: i miei pensieri mi sono cari come fratelli. Il mio spirito fanciullo, anche se s’illude di sentirsi chiamato in causa da certi inviti cristici, ha ancora bisogno di una guida, di qualcuno che gli indichi lo scopo della vita.

Un attimo però, anche questo non è del tutto giusto. Non sono forse nato libero?

Sì è così, pensandoci bene... forse... ma... ehm... in fin dei conti sarebbe meglio se non pensassi, perché anche i pensieri vivono e si esprimono in uno spettro dove esiste un limite in cui essi stessi non riescono e non possono ancora percepirsi con le "normali" capacità a loro affidate.

Così c’é un’unica tecnica di percezione che può per poter comprendere quel tipo di frequenze: i pensieri devono diventare quelle frequenze che già vivono e si esprimono in loro. Quando lo SARANNO, si avvererà l'unica autocoscienza possibile, il ritorno dell'era del Cinghiale Bianco.

 

 

 


BIBLIOGRAFIA:

 

HAZRAT INAYAT KHAN, Il misticismo del suono, ed Mediterranee,1994

GEORGE J. GURDIJEFF, I Racconti di Belzebù a suo nipote, Neri Pozza, 2009

PAOLO JACHIA, E ti vengo a cercare: Franco Battiato e il sacro, Ancora, 2005

ERICH SCHEURMANN (trad.), Papalagi: Discorso del Capo Tuiavii di Tiavea delle Isole Samoa, Stampa Alternativa, 1995

AA.VV., La sacra Bibbia Antico e Nuovo Testamento, ed. CEI 2010

RENE GUENON, Il Re del Mondo, Adelphi, 1927

AMADU HAMPTE BA, Vie et enseignement de Tierno Bokar le Sage de Bandiagara, Editions du Seuil, 1980

AA.VV., The Effendi And The Pregnant Pot Uygur Folktales from China, New World Press, 1982

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Francesco Teruggi

Scrittore e giornalista pubblicista. Direttore delle collane "Malachite", "Agata" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), co-autore del saggio "Mai Vivi Mai Morti" (2015), autore del saggio "La Testa e la Spada. Studi sull'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni" (2017). Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT.

Leggi qui la biografia completa

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente. Ti prego di non inserire commenti offensivi, pena la cancellazione immediata.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

CERCA NEL BLOG

 
IL MIO NUOVO LIBRO!

La Testa e La Spada

Studi su Cavalieri

dell'Ordine

di San Giovanni

TestaSpada 3d 449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-331-5
Pagine: 128
Uscita: Marzo 2017

 

I MIEI LIBRI

 

Mai Vivi Mai Morti

MaiViviMaiMorti 3d449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 144
Anno di edizione: 2015

 

Deen Thaang - Il viaggiatore

DTcover449-3d
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 256, 300 immagini a colori
Anno di edizione: 2014
 
 
Il Graal e La Dea
 
GraalDea3Dtransp
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-081-9
Pagine: 256, a colori
Anno di edizione: 2012

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

FTQrcode

Inquadra il codice con il cellulare,
clicca e naviga sul mio blog dal tuo
dispositivo mobile!

Se non disponi del lettore vai su
http://www.i-nigma.mobi/
oppure cercalo negli appstore

NEWS DAL MONDO

  • La prima opera d'arte ha 500.000 anni
    Un'incisione ritrovata in Indonesia proverebbe che Homo erectus aveva capacità cognitive molto più complesse di quanto si è ritenuto finora. Una serie di linee incise a zig-zag su una conchiglia potrebbe rivoluzionare le nostre conoscenze su quelle che consideriamo le…
    Scritto Domenica, 28 Dicembre 2014 14:16 Letto 2858 volte
  • Scoperta divinità romana sconosciuta
    Un dio romano sconosciuto è stato recentemente portato alla luce in un santuario nel sud-est della Turchia. Il bassorilievo del I secolo a.C., di un enigmatico dio barbuto che emerge da un fiore o pianta, è stato scoperto presso il…
    Scritto Venerdì, 28 Novembre 2014 07:52 Letto 2795 volte
  • La tomba di un faraone egiziano sconosciuto
      Un team di ricercatori composto da archeologi della University of Pennsylvania e del Ministero Egiziano delle Antichità ha portato alla luce la tomba di un faraone non ancora conosciuto nei pressi della sacra città di Abydos, 300 miglia a…
    Scritto Martedì, 04 Febbraio 2014 17:12 Letto 3422 volte
  • Ritrovata la tomba di Imhotep
     la piramide a gradoni di Saqqara, in Egitto, dove si trova una vasta necropoli, situata a circa 30 km a sud della capitale Il Cairo. Piramide eretta come sepolura del faraone Gioser, della terza dinastia.Il Cairo - L' Egitto continua…
    Scritto Sabato, 29 Giugno 2013 17:09 Letto 4173 volte
  • Forse scoperta la più antica civiltà europea
    Un team di archeologi dell'Accademia Bulgara delle Scienze, ha trovato alcuni elementi di prova che potrebbero confermare il ritrovamento della più antica civiltà d'Europa. La scoperta è stata fatta in un sito nei pressi della città di Pazardzhik, nel sud…
    Scritto Domenica, 23 Dicembre 2012 16:40 Letto 3666 volte

LogoSogitS.O.G.IT Verbania

Siti amici

Ladolfi Editore
Selezione e rarità per contraddistinguere libri di narrativa, storia, traduzione, critica e arte, apprezzati a livello nazionale ed internazionale.

Atelier
Trimestrale di poesia, letteratura e critica

Tre di Croppo
Gli amici della montagna

Marco Posa - Shiatsu a Como
Lo shiatsu è una disciplina evolutiva. Valorizza le risorse vitali di ambedue le persone coinvolte nella pratica, permettendone la migliore espressione secondo le potenzialità, i tempi e le modalità peculiari di ciascuno.

Chiavenna 1853
Le pagine di questo blog raccontano un'esperienza di studio e di lavoro dalla quale poter attingere informazioni e considerazioni storico-culturali, socio-economiche, geografiche ed urbanistiche della città, messe in evidenza dallo sviluppo di un complesso sistema informativo geografico.

KarmaNews
Un magazine per conoscersi e per trovare la via del sé

Solar Terrestrial Data


Created by PA4RM

tagoreDeve essere lo scopo a cui tende tutta intera la nostra vita: in tutti i nostri pensieri e in tutte le nostre azioni dobbiamo avere la coscienza dell'Infinito.

- Tagore -

 

Blog segnalato su

  Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog

Aggregato su aggregablog

img 20bec1108c

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Booktrailers - Promuovi gratis il tuo libro

CIDOT22

LogoItaMist500

LogoEcoRisRid

LuoghiMisteriosi

LogoKiwa

STORIE

  • Come ti concio Is Concias (e non solo)
    Come ti concio Is Concias (e non solo) Crescono esponenzialmente gli atti di vandalismo ai danni dei siti archeologici sardi. I più recenti riguardano soprattutto la preziosa Tomba dei Giganti di Is Concias, nel cagliaritano. [View the story "Come ti concio Is Concias (e non solo)" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 25 Settembre 2013 13:40 Letto 3697 volte
  • Stregoneria africana
    Stregoneria africana In Africa la stregoneria è attuale, più di quanto si creda, anche dove sono giunti il "progresso" e la "globalizzazione". Questa è una "carrellata" di servizi televisivi e inchieste sul fenomeno [View the story "Stregoneria moderna in Africa" on Storify]
    Scritto Lunedì, 19 Novembre 2012 13:39 Letto 4448 volte
  • La soglia: varcare la porta stretta
    La soglia: varcare la porta stretta Varcare una soglia è un gesto prezioso. Tutte le culture e tradizioni, antiche e nuove del pianeta si sono soffermate su questo aspetto. Ecco una breve galleria fotografica di soglie da tutto il globo. [View the story "La soglia: varcare la porta stretta" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 17 Ottobre 2012 13:38 Letto 3513 volte
  • SATOR - il quadrato magico
    SATOR - il quadrato magico Quanti quadrati magici "Sator Arepo Tenet Opera Rotas" sono stati scoperti? Di quali e quanti tipi? Da dove vengono? Che significato avevano? [View the story "SATOR" on Storify]
    Scritto Martedì, 16 Ottobre 2012 13:34 Letto 4069 volte

Radio Propagations


Solar X-rays:
Status
Geomagnetic field:
Status
D-Region Absorption
Prediction:
Status
Created by PA4RM

bernardoTu troverai più nei boschi che nei libri. Alberi e rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà. Pensi forse che non potresti succhiare miele da una pietra né olio dalla roccia più dura? Non lasciano le montagne gocciolare giù dolcezza? Non sgorgano dai colli latte e miele? Sono talmente tante le cose che potrei raccontarti. Riesco a stento a trattenermi.

- San Bernardo di Chiaravalle, epistola 106 -

 

Archivio articoli

« Maggio 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

Siti consigliati

SACRED TEXTS ARCHIVE
Testi introvabili della tradizione orientale e occidentale

IN QUIETE - il sito di Gianfranco Bertagni
Filosofia, teologia, simbologia, testi della tradizione

IL SITO DEL MISTERO
Notizie, curiosità e ricerche del Cavaliere Vermiglio

MUSICA E SPIRITO
Ricerche sulla musica e sull'anima

ULTIMA FRONTIERA DELLA CONOSCIENZA
Psicologia, archetipi, religioni, mitologia, geobiologia,architettura sacra, archeologia, storia

MARIO ERMINI BURGHINER e i MAZARÖCC
Musica dialettale valligiana in salsa internazionale

ALCHEMICAL EMBLEMS, OCCULT DIAGRAMSAND MEMORY ARTS
Images from Medieval, Renaissance, Early Modern,and Contemporary Esoteric Traditions

LA MELAGRANA
Pagina indipendente di cultura esoterica

GOZZANO METEO
Il meteo del basso cusio in tempo reale

FrancescoTeruggi.com - Copyright © 2012 Francesco Teruggi - Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Testi, foto, video e ogni altro contenuto sono proprietà esclusiva di Francesco Teruggi, salvo eventuali ed espresse specificazioni di diversa provenienza.