Ti trovi qui:Home>Ritualia>La gloria della tentazione
A+ A A-

La gloria della tentazione

 

La gloria di cui gode colui che si rende partecipe dell'Infinito a ogni strato e livello degli eoni dell'essenza, percorrendo le possibilità del tempo, del modo e della forma, pur se rallentato nelle dimensioni di questa esistenza, può rendersi talvolta manifesta a chi, pur potendo, se ne esclude quanto a chi pur volendo ne è escluso. Si condensa allora visibile quale fuoco increato, puro e primorde, abbacinante nel suo fulgore, sopra il suo amato che lo alimenta, come un faro sulle rocce tra le nebbie.

 

 

Lo scopo ultimo di qualunque percorso verso lo spirito è, il riconoscimento della non-separazione tra l'uomo e Dio, poiché essi sono i due capi opposti di una stessa corda. Solo in questo stato di riunione e di integrazione, l'uomo supera finalmente la sua divisione interiore, ricevendo la consegna di una mistica eredità spirituale.

Le Vie percorribili per raggiungere questo stato – quelle vere! - sono molte, ma sono in verità una sola, che è stata declinata nella storia secondo il luogo, il tempo e i costumi presso i quali viene o veniva praticata. La sua esistenza è ancora custodita nelle tradizioni planetarie, seppur privata di alcune parti o adattata secondo la necessità.

Più raramente si è conservata integra nella sua semplicità e complessità poiché “è necessario che, per ogni forma tradizionale, si abbia una o più organizzazioni costituite in base a questa stessa forma, secondo tutte le apparenze, ma composte da uomini che abbiano coscienza di ciò che è al di là di tutte le forme, vale a dire della dottrina unica che è la fonte e l’essenza di tutte le altre, la quale non è nient’altro che la Tradizione primordiale1.

Qualunque sia la forma “esteriore” di questa via, essa non viene mai presentata né come facile né come breve. Essa infatti è una lotta continua, senza sosta, è il combattimento spirituale affrontato dai mistici d'oriente e d'occidente, la battaglia contro i “demoni” che ostacolano il riconoscersi. Di questi ha proposto una magistrale, efficace ed ermetica descrizione, tra gli altri, San Marco Eremita, uno dei più celebrati monaci esicasti egiziani, nel V secolo: “l'ignoranza di tutti i mali madre; l'incoscienza, figlia, collaboratrice e istigatrice della prima; la pigrizia che dalle tenebre tesse una lugubre veste per l'anima”.

ProfetaElia

La pigrizia che, nelle parole dell'asceta egiziano, prepara un vestito di morte per l'anima, pone un interrogativo: se l'anima dell'uomo corre il rischio di rivestirsi di un abito lugubre, da funerale, essa è dunque mortale, soggetta a morire, nonostante sia per definizione eterna? A ciò si ricollegano certamente le possibilità, tanto orientali quanto occidentali, della reincarnazione, della metempsicosi, della trasmigrazione, per cui l'anima torna in questo mondo ciclicamente finché non si è consolidata al punto di poter restare nell'aldilà.

L'uomo che, invece, intraprendendo il combattimento ne esce vincitore, colui che, scendendo nel proprio cuore, raggiunge l'unione con Dio, colui che si è perfezionato nella perfezione, allontanandosi da sé e pervenendo all'unica realtà, si trova nel mistico stato tale per cui, secondo un altro grande asceta nilotico, San Macario l'Egiziano: “l’inesprimibile ed incomprensibile Dio si è abbassato: nella sua bontà ha rivestito le membra del corpo ed ha posto lui stesso un limite alla sua gloria, nella sua clemenza e nel suo amore per gli uomini si trasforma e s’incarna, si unisce profondamente ai Santi, ai pii, ai fedeli e diviene uno stesso Spirito con essi”.

Macarius the Great

Il segno tangibile di questa conquista è, nella mistica ebraica, la Shekinah, la presenza viva di Dio sul suo eletto, lo spirito biblico primordiale che aleggia sulle acque della creazione e che stende le sue ali (uno suo simbolo è l'aquila o il falco) sul risvegliato. La Qabbala sottolinea da sempre come, anche nella costruzione letterale della parola, se ne possa rintracciare la potenza vivificatrice e trasformatrice (via, verità e vita...) Il nome è infatti composto dalle lettere S= Scin= Viene; K= Kaf= Penetra; N= Nun= Trasforma.

La tradizione persiano-zoroastriana chiama questo “potere”, che discende sui grandi uomini di ogni tempo, Hvareno (khwarrah, xarenah, farrah), nome che sembra avere un'origine etimologica nella radice “ater” o “atar” della lingua Parsi, che significa “fuoco”. Di esso si parla diffusamente in uno degli Inni di Lode contenuti nell'Avesta (la raccolta dei libri sacri mazdeisti), il diciannovesimo, ZAMYAD YASHT. Impropriamente detto "Inno alla Terra", poiché non è dedicato ad essa ma è opera propria del Genio della Terra, è una descrizione accurata e poetica delle montagne e della gloria regale (kavaem Hvareno), la cui protezione viene invocata, insieme a quella della Terra: Ahura Mazda, il sole, è colui che concede il hvareno ai suoi protetti che se ne rendono degni, come accade al mitico re Yima.

taq e bostan radiant mithra philippe chavin 7c

Tracce di questo misterioso potere si ritrovano anche nelle Upanishad indiane, nella storia del re Naciketas e del “srnka” (il fuoco che è all'origine del mondo) che gli viene donato da Yama, signore degli Inferi. Il termine, che compare soltanto due volte nella letteratura sanscrita, significa letteralmente “disco di abbondanza” o “anello di abbondanza” e richiama l'aureola cristiana quanto i dischi solari egizi e mesopotamici.

nachiketas-yama

Non sembrano poi esserci dubbi sull'identità tra la regalità di Siddartha e quella dei grandi uomini “incoronati” persiani e indiani. A Kara Tepe vicino a Termez (nell'attuale Uzbekistan), tra gli affreschi del II secolo a.C. ne è ancora visibile uno che rappresenta il Buddha in meditazione con il capo circondato di fiamme, sotto cui è scritto “Buddha Mazda”, a indicare che i due sono una cosa sola. Infine, la misteriosa tradizione si suppone essere giunta in occidente, dove fu cristianizzata nel “nimbus” o “aureola” attribuita ai Santi, ai Profeti e al Cristo, attraverso il Mitraismo, tanto caro ai legionari romani, che identificava Ahura-Mazda come un alter-ego di Mitra2.

2buddavarenati

Quanto alla natura di questo hvareno, fuoco sacro, sempre l'Avesta lo descrive come un insieme, in realtà, di ben tre diversi fuochi o come un fuoco di tre diverse specie: il primo è quello che rende i dottori sapienti e abili, il secondo riguarda la scienza militare, il terzo la scienza agricola. Il re, che è patrono di tutte queste classi di saggi, è il detentore della gloria suprema che scaturisce dai tre fuochi. A ciò potrebbe pure riferirsi l'indicazione, custodita nella cultura Sufi, dell'esistenza di una “benedizione” antica, di un privilegio riservato all'uomo in cammino verso la realizzazione della propria natura divina. Il primo “fuoco” che potrebbe accendersi sul suo capo, sempre secondo i mistici mediorientali, è proprio di tipo “agricolo” o per meglio dire “agreste”, quello stesso fuoco che ha animato anche molti santi cristiani, rendendoli capaci di ammansire le fiere e parlare con gli animali.

Il Hvareno, può addirittura produrre segni visibili e materiali di sé, variamente indicati nelle diverse tradizioni: abod in ebraico; khàris in greco; Shah-an-Shah in persiano, melannu in mesopotamico, guāngbèi 光背 in cinese, nimbus nel latino antico; la corona raggiata di Elios nella Grecia antica, ecc. Alla stessa idea possono essere ricondotti anche i Laksana del Buddha, i 32 segni maggiori (più gli altri 96 minori) della sua “liberazione”.

Esso si rende visibile a vantaggio non di chi ne è già rivestito, bensì di chi ancora non lo possiede, quale indicazione della via da seguire per cercarlo. Proprio questa caratteristica lo rende “pericoloso” per chi lo possiede. Contrariamente a quanto comunemente si crede, infatti, il privilegio del Hvareno non è permanente, ma va continuamente meritato. Anzi, è facile perderlo e perdersi in esso. Poiché è un tocco “regale”, di comando, chi ne è rivestito ha un grande potere di attrazione, al quale pochi sanno e possono resistere, con il rischio di diventare oggetto di idolatria, di peccare di superbia.

Il risvegliato deve conservarsi “mezzo” per gli altri, piuttosto che divenire egli stesso hvareno per chi gli tributa gli onori che andrebbero riservati solo a un dio. La superbia quindi porta al ritrarsi del hvareno come accade secondo l'Avesta al re Yima che, dopo esserne stato “incoronato di gloria”, perde di vista il riferimento spirituale. Da lui il fuoco si ritrae in tre fasi, come tre sono i fuochi di cui è composto, finché il re viene precipitato negli inferi.

nasruddin

Il modo corretto di agire che la tradizione conserva è invece quello che i Sufi chiamano “via del biasimo” o Malamat: cercare rifiuto e disprezzo piuttosto che lodi, per sfuggire alla tentazione di diventare oggetto di adorazione ed essere mezzo di riunione per gli altri; essere nel mondo ma non per il mondo.

La via dunque non è che una ininterrotta fatica, illuminata dalla luce del fuoco hvareno, che non cessa neppure quando si riesce a raggiungerlo, poiché è fuoco e le fiamme vanno alimentate con costanza affinché continuino a bruciare.

Un'ultima precisazione: il hvareno potrebbe essere addirittura l'ineffabile e misterioso Sacro Graal delle leggende arturiane. Del resto l'origine orientale del “sacro calice” sembrerebbe suggerita anche da una versione della leggenda posteriore a quella di Wolfram Von Eschenbach, in cui a trovare la reliquia sarebbe il fratello di Parzival, Lohengrin, in India.

 

 

 


NOTE

 

 

1Rene Guenon, Simboli di Scienza Sacra, 1962

2Per quanto concerne la materia di cui è fatto il Hvareno, lo stesso “spiritus” che nella tradizione ebraica aleggia sulle acque primordiali all'inizio della creazione, si può far riferimento anche al misterioso “Stephane” di cui parla Parmenide e a cui si riferisce probabilmente anche Cleante (come riportato nel De Natura Deorum da Cicerone) a proposito di un fuoco che circonda il mondo.

 

 


BIBLIOGRAFIA

 

Anna Maria Roos, The Possibility of Miracles, 1930

George Robert Stow Mead, Echoes From The Gnosis, 1906-1908

Major Arthur De Bles, How to Distinguish the Saints in Art by Their Costumes, Symbols And Attributes, 1925

William Woodthorpe Tarn, The Greeks in Bactria and India, 2010

René Guénon, Simboli di Scienza Sacra, 1962

Jenny Rose, Zoroastrianism: an introduction, in I.B. Tauris Introductions to religions, 2011

Mircea Eliade , Occultism, Witchcraft, and Cultural Fashions: Essays in Comparative Religion, 1978

Yulia Ustinova, The Supreme Gods of the Bosporan Kingdom: Celestial Aphrodite and the Most High God, 1999

G.I. Gurdjieff, I racconti di Belzebù a suo nipote, 2013

Michel Vâlsan, Sufismo ed Esicasmo, 2000

G.Vannucci, Filocalia. Testi di ascetica e mistica della Chiesa orientale, 1998

Azrat Inayat Khan, In un roseto d'Oriente: un messaggio sufi sull'amore, l'armonia e la Bellezza, 1988

Azrat Inayat Khan, L'Alchimia della felicità (Il vero scopo della vita ), 1996

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Francesco Teruggi

Scrittore e giornalista pubblicista. Direttore delle collane "Malachite", "Agata" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), co-autore del saggio "Mai Vivi Mai Morti" (2015), autore del saggio "La Testa e la Spada. Studi sull'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni" (2017). Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT.

Leggi qui la biografia completa

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente. Ti prego di non inserire commenti offensivi, pena la cancellazione immediata.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

CERCA NEL BLOG

 
IL MIO NUOVO LIBRO!

La Testa e La Spada

Studi su Cavalieri

dell'Ordine

di San Giovanni

TestaSpada 3d 449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-331-5
Pagine: 128
Uscita: Marzo 2017

 

I MIEI LIBRI

 

Mai Vivi Mai Morti

MaiViviMaiMorti 3d449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 144
Anno di edizione: 2015

 

Deen Thaang - Il viaggiatore

DTcover449-3d
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 256, 300 immagini a colori
Anno di edizione: 2014
 
 
Il Graal e La Dea
 
GraalDea3Dtransp
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-081-9
Pagine: 256, a colori
Anno di edizione: 2012

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

FTQrcode

Inquadra il codice con il cellulare,
clicca e naviga sul mio blog dal tuo
dispositivo mobile!

Se non disponi del lettore vai su
http://www.i-nigma.mobi/
oppure cercalo negli appstore

NEWS DAL MONDO

  • La prima opera d'arte ha 500.000 anni
    Un'incisione ritrovata in Indonesia proverebbe che Homo erectus aveva capacità cognitive molto più complesse di quanto si è ritenuto finora. Una serie di linee incise a zig-zag su una conchiglia potrebbe rivoluzionare le nostre conoscenze su quelle che consideriamo le…
    Scritto Domenica, 28 Dicembre 2014 14:16 Letto 2858 volte
  • Scoperta divinità romana sconosciuta
    Un dio romano sconosciuto è stato recentemente portato alla luce in un santuario nel sud-est della Turchia. Il bassorilievo del I secolo a.C., di un enigmatico dio barbuto che emerge da un fiore o pianta, è stato scoperto presso il…
    Scritto Venerdì, 28 Novembre 2014 07:52 Letto 2795 volte
  • La tomba di un faraone egiziano sconosciuto
      Un team di ricercatori composto da archeologi della University of Pennsylvania e del Ministero Egiziano delle Antichità ha portato alla luce la tomba di un faraone non ancora conosciuto nei pressi della sacra città di Abydos, 300 miglia a…
    Scritto Martedì, 04 Febbraio 2014 17:12 Letto 3422 volte
  • Ritrovata la tomba di Imhotep
     la piramide a gradoni di Saqqara, in Egitto, dove si trova una vasta necropoli, situata a circa 30 km a sud della capitale Il Cairo. Piramide eretta come sepolura del faraone Gioser, della terza dinastia.Il Cairo - L' Egitto continua…
    Scritto Sabato, 29 Giugno 2013 17:09 Letto 4173 volte
  • Forse scoperta la più antica civiltà europea
    Un team di archeologi dell'Accademia Bulgara delle Scienze, ha trovato alcuni elementi di prova che potrebbero confermare il ritrovamento della più antica civiltà d'Europa. La scoperta è stata fatta in un sito nei pressi della città di Pazardzhik, nel sud…
    Scritto Domenica, 23 Dicembre 2012 16:40 Letto 3666 volte

LogoSogitS.O.G.IT Verbania

Siti amici

Ladolfi Editore
Selezione e rarità per contraddistinguere libri di narrativa, storia, traduzione, critica e arte, apprezzati a livello nazionale ed internazionale.

Atelier
Trimestrale di poesia, letteratura e critica

Tre di Croppo
Gli amici della montagna

Marco Posa - Shiatsu a Como
Lo shiatsu è una disciplina evolutiva. Valorizza le risorse vitali di ambedue le persone coinvolte nella pratica, permettendone la migliore espressione secondo le potenzialità, i tempi e le modalità peculiari di ciascuno.

Chiavenna 1853
Le pagine di questo blog raccontano un'esperienza di studio e di lavoro dalla quale poter attingere informazioni e considerazioni storico-culturali, socio-economiche, geografiche ed urbanistiche della città, messe in evidenza dallo sviluppo di un complesso sistema informativo geografico.

KarmaNews
Un magazine per conoscersi e per trovare la via del sé

Solar Terrestrial Data


Created by PA4RM

tagoreDeve essere lo scopo a cui tende tutta intera la nostra vita: in tutti i nostri pensieri e in tutte le nostre azioni dobbiamo avere la coscienza dell'Infinito.

- Tagore -

 

Blog segnalato su

  Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog

Aggregato su aggregablog

img 20bec1108c

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Booktrailers - Promuovi gratis il tuo libro

CIDOT22

LogoItaMist500

LogoEcoRisRid

LuoghiMisteriosi

LogoKiwa

STORIE

  • Come ti concio Is Concias (e non solo)
    Come ti concio Is Concias (e non solo) Crescono esponenzialmente gli atti di vandalismo ai danni dei siti archeologici sardi. I più recenti riguardano soprattutto la preziosa Tomba dei Giganti di Is Concias, nel cagliaritano. [View the story "Come ti concio Is Concias (e non solo)" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 25 Settembre 2013 13:40 Letto 3697 volte
  • Stregoneria africana
    Stregoneria africana In Africa la stregoneria è attuale, più di quanto si creda, anche dove sono giunti il "progresso" e la "globalizzazione". Questa è una "carrellata" di servizi televisivi e inchieste sul fenomeno [View the story "Stregoneria moderna in Africa" on Storify]
    Scritto Lunedì, 19 Novembre 2012 13:39 Letto 4448 volte
  • La soglia: varcare la porta stretta
    La soglia: varcare la porta stretta Varcare una soglia è un gesto prezioso. Tutte le culture e tradizioni, antiche e nuove del pianeta si sono soffermate su questo aspetto. Ecco una breve galleria fotografica di soglie da tutto il globo. [View the story "La soglia: varcare la porta stretta" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 17 Ottobre 2012 13:38 Letto 3513 volte
  • SATOR - il quadrato magico
    SATOR - il quadrato magico Quanti quadrati magici "Sator Arepo Tenet Opera Rotas" sono stati scoperti? Di quali e quanti tipi? Da dove vengono? Che significato avevano? [View the story "SATOR" on Storify]
    Scritto Martedì, 16 Ottobre 2012 13:34 Letto 4069 volte

Radio Propagations


Solar X-rays:
Status
Geomagnetic field:
Status
D-Region Absorption
Prediction:
Status
Created by PA4RM

bernardoTu troverai più nei boschi che nei libri. Alberi e rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà. Pensi forse che non potresti succhiare miele da una pietra né olio dalla roccia più dura? Non lasciano le montagne gocciolare giù dolcezza? Non sgorgano dai colli latte e miele? Sono talmente tante le cose che potrei raccontarti. Riesco a stento a trattenermi.

- San Bernardo di Chiaravalle, epistola 106 -

 

Archivio articoli

« Maggio 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

Siti consigliati

SACRED TEXTS ARCHIVE
Testi introvabili della tradizione orientale e occidentale

IN QUIETE - il sito di Gianfranco Bertagni
Filosofia, teologia, simbologia, testi della tradizione

IL SITO DEL MISTERO
Notizie, curiosità e ricerche del Cavaliere Vermiglio

MUSICA E SPIRITO
Ricerche sulla musica e sull'anima

ULTIMA FRONTIERA DELLA CONOSCIENZA
Psicologia, archetipi, religioni, mitologia, geobiologia,architettura sacra, archeologia, storia

MARIO ERMINI BURGHINER e i MAZARÖCC
Musica dialettale valligiana in salsa internazionale

ALCHEMICAL EMBLEMS, OCCULT DIAGRAMSAND MEMORY ARTS
Images from Medieval, Renaissance, Early Modern,and Contemporary Esoteric Traditions

LA MELAGRANA
Pagina indipendente di cultura esoterica

GOZZANO METEO
Il meteo del basso cusio in tempo reale

FrancescoTeruggi.com - Copyright © 2012 Francesco Teruggi - Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Testi, foto, video e ogni altro contenuto sono proprietà esclusiva di Francesco Teruggi, salvo eventuali ed espresse specificazioni di diversa provenienza.