Sabato, 10 Novembre 2012 16:36

Basler Munster, il duomo di Basel

Vota questo articolo
(1 Vota)

 In primavera sono passato da Basel, Basilea, nella Svizzera francofona e mi sono imbattuto nella sua cattedrale romanico-gotica, Basel Minster o Basler Munster: un tripudio di simbologie potenti e misteriose , di bi-skel, triskel, quadri-skel, penta-skel e complesse forme frattali.

Sul pavimento... il dragone, la Wuivre, il segno delle energie oscure della madre terra. 

Tra le sue poderose mura è sepolto Erasmus Von Rotterdam.

 Ecco alcune informazioni sul monumento tratte da Wikipedia:

"In origine sede vescovile, l'attuale cattedrale venne edificata tra il 1019 ed il 1500 in pietra arenaria rossa. La vecchia cattedrale romanica fu semidistrutta nel terremoto di Basilea del 1356. Venne poi riprogettata da Johannes Gmünd (lo stesso che stava lavorando per la Cattedrale di Friburgo in Brisgovia ), per essere continuata in stile gotico . La costruzione fu ampliata da Ulrich von Ensingen, architetto che collaborò anche ai progetti per la cattedrale di Ulma e per quella di Strasburgo .
La chiesa fu pressoché interamente completata nel medioevo. Uno dei pochi elementi ottocenteschi di questa cattedrale sono le finestre neogotiche . Fu il punto di riferimento iniziale del Concilio di Basilea, Ferrara e Firenze . Dopo che il concilio era stato trasferito a Ferrara , sulla piazza della cattedrale di Basilea Amedeo VIII di Savoia venne eletto come antipapa (il 24 luglio 1440 ).
Dal 1529 è una chiesa di culto protestante . Erasmo da Rotterdam documentò con sue testimonianze i drammatici eventi della riforma a Basilea".

Per darvi un'idea della bellezza e potenza di una tale "macchina dello spirito" ho preparato un breve filmato che ho girato personalmente:

Questo è il rilievo energetico preliminare della cattedrale:

 RilievoBaslerWeb1024

Come tutte le cattedrali è un ambiente perfettamente isolato dall'esterno. Come nella migliore tradizione, 18 fasce della rete Hartmann si compattano all'esterno dell'edificio.

La particolare configurazione degli scorrimenti tellurici ha reso necessario un gran numero di "dispositivi" (triskell ecc.) per bilanciare ed equilibrare le armoniche del luogo.

Sono molto interessanti le "indicazioni" lasciate dai costruttori (sirena, tritone, drago-wuivre)

Una piccola curiosità. Erasmus inizialmente era sepolto proprio davanti all'altare (sic!). La posizione della tomba però andò perduta. Quando fu rinvenuta, le spoglie furono spostate nella posizione attuale...

 

Letto 4117 volte
Francesco Teruggi

Scrittore e giornalista pubblicista. Direttore delle collane "Malachite" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), co-autore del saggio "Mai Vivi Mai Morti" (2015), autore del saggio "La Testa e la Spada. Studi sull'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni" (2017), co-autore del saggio storico "Il Filo del Cielo" (2019) pubblicato in edizione italiana e in edizione francese. Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT. Responsabile Culturale S.O.G.IT. Verbania (Opera di Soccorso dell'Ordine di San Giovanni in Italia).

Leggi qui la biografia completa

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

CERCA NEL BLOG