Ti trovi qui:Home>Blog>Riservato iscritti>ZEMI - idoli e megaliti delle Antille (articolo completo)
A+ A A-

ZEMI - idoli e megaliti delle Antille (articolo completo)

 Qualche tempo prima dell'alba di un venerdì mattina dell'Ottobre 1492, il marinaio Rodrigo de Tiana, scrutando l'orizzonte dalla Santa Maria, avvistava per la prima volta una piccola isola del Nuovo Continente. Gli indigeni pacifici che l'abitavano la chiamavano “Guanahani”, ma il suo capitano, Cristoforo Colombo, l'avrebbe subito ribattezzata San Salvador. Cominciava così, toccando terra a Bahamas, la scoperta, o meglio la riscoperta, dell'America.

Un anno più tardi, scegliendo una rotta diversa e più meridionale, Cristoforo Colombo sarebbe invece approdato a Guadalupe, scoprendo l'esistenza delle Antille. L'11 Novembre del 1493 la flotta spagnola avvistò per la prima volta Waladli, Wa'omoni e Ocamanru (oggi rispettivamente “Antigua”, dal nome della cappella delle Vergine Miracolosa che si trova nella Cattedrale di Siviglia; Barbuda e Redonda). Ma l'esploratore genovese passò oltre senza sbarcare. Non seppe mai che gli stessi indigeni che continuava ad incontrare sulle diverse isole caraibiche, tutti discendenti di quella medesima popolazione che, partendo dal Sud America, aveva colonizzato nei millenni precedenti le Antille, ad Antigua, erano stati vicini a creare una vera e propria civiltà.

Nei resoconti dell'epoca vengono chiamati “Arawak”, dal nome della loro lingua e sono descritti come selvaggi piuttosto arrendevoli, con il corpo tatuato. Si cibavano di pesce, crostacei, frutta e soprattutto cassava (manioca); vivevano in capanne e si spostavano su semplici canoe. Solo nel XIX-XX secolo comincerà ad emergere, grazie agli studiosi e archeologi caraibici, la ricchezza nascosta di queste culture poco note.

colombosbarco

Le più antiche tracce umane datate con sicurezza nelle Antille risalgono al II millennio a.C. quando, si ritiene, si verificò la prima migrazione di tribù sud-americane dalle coste dell'odierno Venezuela fino a Cuba. Queste popolazioni presero il nome di Siboney (“gente della pietra”) o Saladoidi/Troumassoidi. Un gruppo viveva certamente sull'isola di Antigua nel 1775 a.C. lungo la spiaggia di Jolly Beach. Tracce di una successiva migrazione risalente al 35 a.C. Sono state identificate a Mamora Bay, dove si stanziò un gruppo appartenente ai Tainos di lingua Arawak. Gruppi dello stesso ambito etnico raggiunsero nuovamente Antigua nel 900 d.C. Infine, un differente gruppo, che gli storici indicano con il nome di “Carib”, raggiunse le Antille nel 1200 d.C. entrando in conflitto con i Tainos. Forse, dietro i diversi gruppi in migrazione, si nasconde semplicemente lo spostarsi dello stesso nucleo di tribù avanti e indietro per le Antille nei millenni.

Della spiritualità di questi popoli, come del resto di tutti gli aspetti della loro cultura, ben poco ci rimane: resti di bivacchi e villaggi, frammenti di ceramica, spianate bordate di pietre dove presumibilmente si praticava il batey”, un “gioco rituale” con la palla simile al sacro “ulama” dei Maya, qualche graffito e un controverso sito tra le alture di Antigua, che mostra tutte le caratteristiche di un antico complesso megalitico. La loro religione era di tipo animistico, basata sul culto delle forze della natura, che i Tainos raffiguravano come idoli zoomorfi, antropomorfi e geomorfi, modellati con la terracotta oppure cesellando gusci di conchiglie. Al centro della loro vita spirituale c'erano in particolare tre divinità: Atabeyra, la luna, dea della fertilità; Yocahu, il “portatore della cassava”; Opiyel Wa'obiran, guardiano delle anime e della morte. Secondo lo studioso Fred Olsen, l'essenza di queste e delle altre divinità risiedeva appunto negli Zemi, nome che significa non a caso “potere magico”.

triadeantille

Indigeni superstiziosi e primitivi dunque? Secondo me proprio no. Proviamo a capirci qualcosa, usando anche un pizzico di conoscenza radioestesica. Intanto, studiando la “trinità” divina su cui si basa l'intera cultura dei Tainos, si può scoprire di trovarsi di fronte non a una triade qualsiasi, ma alla fedele rappresentazione trinitaria dei principi che creano l'Universo. Non è questa una particolare conoscenza propria solo delle tribù delle Antille, ma un sapere diffuso e comune a tutte le civiltà evolute del globo.

Atabeyra, o Atabey, come si può comprendere dalle sue raffigurazioni, è l'eterna e grande Dea, la MadreTerra”, il ventre da cui ogni cosa proviene e insieme il contenitore, la forma di tutto ciò che esiste. È insomma il femminino sacro, l'acqua primordiale, il vaso “uterino” che riceve e che tras-forma, che forma attraverso di sé. Nelle cronache Taino Atabeyra è lo spirito del serpente cosmico”.

 

Atabeyra

Opiyel Wa'obiran, appartentemente banalizzato in “figlio della tenebra”, dio della morte e dell'aldilà, guardiano delle anime, è il principio opposto e complementare ad Atabeyra. E' il maschile sacro, ciò a cui tutto ritorna, la direzione verso cui viaggia inesorabile la vita (la morte).

Opyelu

Infine Yocahu è il terzo principio, l'unificatore, l'equilibrio che impedisce alle altre forze di collassare vicendevolmente. Si dice che sia la rappresentazione del micro-universo dei Taino, un'isola, oppure una tartaruga mitica. Tutto giusto, tutto sbagliato. P raffigurare un'isola, certo, ma la rappresenta con tutto ciò che la circonda: l'acqua che sta sotto e il cielo che sta al di sopra, così che il “cono vulcanico” è a sua volta il punto di equilibrio, ciò che separa l'acqua dal cielo e senza cui la vita non sarebbe possibile. Allo stesso modo può raffigurare la tartaruga, con quella testa mascolina che indica la direzione e quella forma vagamente uterina al posto della coda: parti visibili del corpo molle della tartaruga che, grazie ad esse tiene il carapace separato dal piastrone.

Yocahu, dunque, è per i Tainos ciò che il Tao è per i cinesi e gli orientali: l'espressione del tutto e di quella terza forza che il tutto rende possibile.

Yocahu

Dal movimento (vibrazione) generato dall'incontro di questi tre principi discende l'Universo. Tutto, ogni più minuta cosa, infatti, è il risultato mutevole degli infiniti rapporti che questi principi stabiliscono al loro interno ad ogni livello, strato e dimensione dell'esistenza. I Tainos lo sapevano bene. A questi consolidamenti variabili dei tre principi, a queste “forze” (vibrazioni/movimenti) hanno dedicato i loro culti e i loro riti, dando a ciascuna un nome e caratteristiche ben precise, che poi condensavano negli “idoli” chiamati Zemi.

Lo Zemi o Cemi è “forza magica” cristallizzata. E qui è opportuna una piccola digressione. Cos'è davvero la magia? Un po' di sana ricerca etimologica può spiegarlo. La radice sanscrita è “magh-a” e significa semplicemente “grandezza”, non in quanto dimensione bensì elevazione, distanza, è “ciò che esiste di più grande” (al mondo).

Il verbo sanscrito da cui deriva “magh-a” è a tal proposito mah-ati, che ha addirittura un doppio significato: onorare, festeggiare e “rendere più grande”, ma anche “sacrificare/sacrificarsi”. Non superstizione dunque, come si potrebbe supporre o pratiche negromantiche, incantesimi, fatture sacrifici cruenti e quant'altro, ma la conoscenza di ciò che è di più grande e puro, attraverso il sacrificio di sé stessi. Questo è “mago”, questa è “magia”.

Potremmo dunque azzardare per il nome “zemi” una traduzione diversa: “grande forza”, nel senso di “forza divina” quindi “forza delle origini”. Ecco dunque che ciascun zemi è il “risuonatore” di una particolare forza/vibrazione dell'universo, il suo richiamo, il collegamento con essa. Non sono banalmente gli dei, ma la manifestazione di quelle forze che il Creatore ha desiderato per il Mondo.

Ricavavano zemi dai gusci di conchiglia, li dipingevano sulle rocce, li incidevano nelle pietre, ogni zemi aveva il suo materiale, il suo modo di essere rappresentato, il suo tempo. Alcuni forse erano “personificazioni” di animali o di piante.

Per quanto ho potuto studiarli, ritengo che li posizionassero e li utilizzassero dovunque quella particolare “forza” era necessaria: elaborarono un complesso sistema di stampi per portare il segno dei loro idoli sul corpo, sulla parte per la quale era richiesto l'intervento di uno specifico zemi. Alcuni zemi erano riservati a ciascun tipo di contenitori in terracotta cui facevano da “manici”: da cottura, per contenere acqua o cibi solidi, per la conservazione.

CONTENITORI

È noto un solo zemi in cotone e fibre vegetali intrecciate con notevoli abilità, alto circa 70 cm. Contiene i resti di un cranio umano volutamente deformato, forse appartenente ad un personaggio di alto rango o a un “mago” precolombiano.

strip6-wovenzemi

I Tainos postulavano insomma un'idea dell'Universo tripartito, di cui il trigonolite è una efficace rappresentazione e in cui si avvicendano le “forze” che appartengono, contemporaneamente a tutti i piani di esistenza.

Trigonolito

La connessione acqua-terra-cielo è particolarmente evidente in un antico sito precolombiano ritrovato ad Antigua. All'interno dell'isola, sulle alture di Greencastle Hill, nome odierno della località e ricordo della piantagione che esisteva sulla collina, i Tainos o forse quei Siboney/Saladoidi/Troumassoidi loro antenati, edificarono quello che sembra in tutto e per tutto essere un “osservatorio astronomico” megalitico, una “stonehenge” delle Antille.

Dopo la scoperta del sito da parte del dottor W. Forrest tra il 1930 e il 1935, le prime prove di un probabile significato “stellare” delle pietre innalzate su questa altura emersero con le ricerche di Moira Imbert e Charlesworth Ross nel 1958. Ma se ne cominciò a discutere solo nel 1971. Il 14 Marzo di quell'anno compare un articolo intitolato “Antigua's Tropical Stonehenge” sul New York Times e quattro mesi dopo Al Hajji Talib Ahmad Dawud presenta al IV Congresso Internazionale per lo studio delle culture precolombiane delle Piccole Antille, lo studio intitolato “Greencastle Hill, Antigua: a possible Megalithic Monument of a Prehistoric Generation”.

Ulteriori ricerche sugli allineamenti sono state intraprese con successo da Desmond Nicholson. L'archeologo antiguano Dr R. Murphy ha poi condotto nel 1995 una campagna di scavi nell'area che ha fornito le prove dell'esistenza nel luogo di un insediamento umano databile tra il 500 e il 1250 d.C. Altri sopralluoghi sono stati compiuti da Maura Imbert e Arlene Atwell a partire dal 2001.

GreencastleHill

I risultati, inizialmente molto discussi e poco accettati dalla comunità scientifica, sono per lo più concordanti e confermano l'ipotesi che si tratti di un “tempio astronomico”. Dallo studio della scarsa letteratura relativa agli indigeni precolombiani delle Antille, tali popolazioni mostrano un marcato interesse soprattutto per alcuni corpi e ammassi celesti: le costellazioni delle Pleiadi, Orione, l'Orsa Maggiore, Scorpione, Pegaso, Ariete, Ofiuco e le stelle Sirio, Procione e Aldebaran.

Pare che la comparsa e la scomparsa delle Pleiadi e di Orione nel cielo mesoamericano fossero indicatori per i cicli agricoli, il sorgere nel cielo dell'Orsa Maggiore segnava l'inizio della stagione degli uragani, Aldebaran aveva una funzione simile a quella della Stella Polare, Scorpione era legata agli aspetti sociali (matrimoni, alleanze, ecc.). Questo ed altro è esattamente quanto si può osservare sulla cima di Greencastle hill, traguardando il cielo per mezzo dei megaliti che vi furono innalzati. Il più significativo è sicuramente quello denominato “dio sole”, alto circa tre metri, composto di due tronconi, appartenenti a matrici diverse, sovrapposti e appoggiati su una sorta di basamento – forse un'applicazione dell'unione dei tre principi cosmici – che indica precisamente il sorgere del sole nei giorni degli equinozi.

PietraDioSole-daArticoloAstron-mod

Un curioso insieme di menhir volutamente inclinati e divaricati a V, che è stato chiamato “Pietre femminili” indica la posizione delle Pleiadi il 31 Maggio, data che coincide con l'inizio dell'anno per i Tainos, nonché con i primi giorni della stagione degli uragani. E ancora altri gruppi di menhir divaricati o di singole pietre puntano alla posizione del sorgere dell'Orsa Maggiore, di Scorpione, di Sirio, di Orione, di Pegaso nei giorni degli equinozi o dei solstizi. Il punto da cui compiere le osservazioni usando i megaliti è sempre uno e uno solo, un menhir isolato detto “Pietra di puntamento”.

PietreFemminili-daArticoloAstron2

 

5223094

5358512

E gli zemi? Esiste qualche traccia relativa alla connessione esistente tra i petroglifi Tainos che rappresentano la “rana” e la costellazione delle Pleiadi, così come la tartaruga sarebbe in qualche modo legata ad Orione.

La rana e la tartaruga (entrambe sono “anfibi”: vivono sulla terra e in acqua ma respirano anche aria) sono evidentemente una sorta di “animali totemici”, rappresentanti di ”forze” particolari sulla terra.

VariousZemi

Ritengo che anche le costellazioni siano rappresentanti di “poteri” particolari, ma nel cielo. Dunque l'animale e la corrispondente costellazione sarebbero consonanti, tra di loro e con una certa “forza”, a livelli diversi. Se la mia ipotesi è giusta si potrebbero nello stesso modo stabilire collegamenti preziosi tra gli zemi conosciuti e le stelle o costellazioni. Forse si riuscirebbe a stabilire un'identità tra Atabeyra e le Pleiadi e tra Yocahu ed Orione. E chissà cos'altro...

 


BIBLIOGRAFIA:

 

D.V.Nicholson, The story of Arawaks in Antigua & Barbuda, Linden Press, 1983

D.V.Nicholson, Heritage Treasures of Antigua & Barbuda, Museums of antigua&Barbuda, 2007

Fred Olsen, On the trail of theArawaks, University of Oklahoma, 1974

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Francesco Teruggi

Scrittore e giornalista pubblicista. Direttore delle collane "Malachite" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), co-autore del saggio "Mai Vivi Mai Morti" (2015), autore del saggio "La Testa e la Spada. Studi sull'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni" (2017). Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT.

Leggi qui la biografia completa

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente. Ti prego di non inserire commenti offensivi, pena la cancellazione immediata.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

CERCA NEL BLOG

IL MIO NUOVO LIBRO

Uscita Settembre 2019

 

IL FILO DEL CIELO

Dromon Copertina 3d 449 ITA

Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-492-3
Pagine: 240
Disponibile anche in edizione francese!!
 

 

 

I miei libri

 

La Testa e la Spada

TestaSpada 3d 449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-331-5
Pagine: 128
Uscita: Marzo 2017

 

 

Mai Vivi Mai Morti

MaiViviMaiMorti 3d449
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 144
Anno di edizione: 2015

 

Deen Thaang - Il viaggiatore

DTcover449-3d
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Agata
ISBN: 978-88-6644-142-7
Pagine: 256, 300 immagini a colori
Anno di edizione: 2014
 
 
Il Graal e La Dea
 
GraalDea3Dtransp
Editore: Giuliano Ladolfi
Collana: Malachite
ISBN: 978-88-6644-081-9
Pagine: 256, a colori
Anno di edizione: 2012

 

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

FTQrcode

Inquadra il codice con il cellulare,
clicca e naviga sul mio blog dal tuo
dispositivo mobile!

Se non disponi del lettore vai su
http://www.i-nigma.mobi/
oppure cercalo negli appstore

NEWS DAL MONDO

  • La prima opera d'arte ha 500.000 anni
    Un'incisione ritrovata in Indonesia proverebbe che Homo erectus aveva capacità cognitive molto più complesse di quanto si è ritenuto finora. Una serie di linee incise a zig-zag su una conchiglia potrebbe rivoluzionare le nostre conoscenze su quelle che consideriamo le…
    Scritto Domenica, 28 Dicembre 2014 15:16 Letto 4935 volte
  • Scoperta divinità romana sconosciuta
    Un dio romano sconosciuto è stato recentemente portato alla luce in un santuario nel sud-est della Turchia. Il bassorilievo del I secolo a.C., di un enigmatico dio barbuto che emerge da un fiore o pianta, è stato scoperto presso il…
    Scritto Venerdì, 28 Novembre 2014 08:52 Letto 5130 volte
  • La tomba di un faraone egiziano sconosciuto
      Un team di ricercatori composto da archeologi della University of Pennsylvania e del Ministero Egiziano delle Antichità ha portato alla luce la tomba di un faraone non ancora conosciuto nei pressi della sacra città di Abydos, 300 miglia a…
    Scritto Martedì, 04 Febbraio 2014 18:12 Letto 5554 volte
  • Ritrovata la tomba di Imhotep
     la piramide a gradoni di Saqqara, in Egitto, dove si trova una vasta necropoli, situata a circa 30 km a sud della capitale Il Cairo. Piramide eretta come sepolura del faraone Gioser, della terza dinastia.Il Cairo - L' Egitto continua…
    Scritto Sabato, 29 Giugno 2013 19:09 Letto 7278 volte
  • Forse scoperta la più antica civiltà europea
    Un team di archeologi dell'Accademia Bulgara delle Scienze, ha trovato alcuni elementi di prova che potrebbero confermare il ritrovamento della più antica civiltà d'Europa. La scoperta è stata fatta in un sito nei pressi della città di Pazardzhik, nel sud…
    Scritto Domenica, 23 Dicembre 2012 17:40 Letto 5901 volte

LogoSogitS.O.G.IT Verbania

Siti amici

Ladolfi Editore
Selezione e rarità per contraddistinguere libri di narrativa, storia, traduzione, critica e arte, apprezzati a livello nazionale ed internazionale.

Atelier
Trimestrale di poesia, letteratura e critica

Tre di Croppo
Gli amici della montagna

Marco Posa - Shiatsu a Como
Lo shiatsu è una disciplina evolutiva. Valorizza le risorse vitali di ambedue le persone coinvolte nella pratica, permettendone la migliore espressione secondo le potenzialità, i tempi e le modalità peculiari di ciascuno.

Chiavenna 1853
Le pagine di questo blog raccontano un'esperienza di studio e di lavoro dalla quale poter attingere informazioni e considerazioni storico-culturali, socio-economiche, geografiche ed urbanistiche della città, messe in evidenza dallo sviluppo di un complesso sistema informativo geografico.

KarmaNews
Un magazine per conoscersi e per trovare la via del sé

Solar Terrestrial Data


Created by PA4RM

tagoreDeve essere lo scopo a cui tende tutta intera la nostra vita: in tutti i nostri pensieri e in tutte le nostre azioni dobbiamo avere la coscienza dell'Infinito.

- Tagore -

 

Blog segnalato su

  Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog

Aggregato su aggregablog

img 20bec1108c

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Booktrailers - Promuovi gratis il tuo libro

CIDOT22

LogoItaMist500

LogoEcoRisRid

LuoghiMisteriosi

LogoKiwa

STORIE

  • Come ti concio Is Concias (e non solo)
    Come ti concio Is Concias (e non solo) Crescono esponenzialmente gli atti di vandalismo ai danni dei siti archeologici sardi. I più recenti riguardano soprattutto la preziosa Tomba dei Giganti di Is Concias, nel cagliaritano. [View the story "Come ti concio Is Concias (e non solo)" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 25 Settembre 2013 15:40 Letto 5929 volte
  • Stregoneria africana
    Stregoneria africana In Africa la stregoneria è attuale, più di quanto si creda, anche dove sono giunti il "progresso" e la "globalizzazione". Questa è una "carrellata" di servizi televisivi e inchieste sul fenomeno [View the story "Stregoneria moderna in Africa" on Storify]
    Scritto Lunedì, 19 Novembre 2012 14:39 Letto 7224 volte
  • La soglia: varcare la porta stretta
    La soglia: varcare la porta stretta Varcare una soglia è un gesto prezioso. Tutte le culture e tradizioni, antiche e nuove del pianeta si sono soffermate su questo aspetto. Ecco una breve galleria fotografica di soglie da tutto il globo. [View the story "La soglia: varcare la porta stretta" on Storify]
    Scritto Mercoledì, 17 Ottobre 2012 15:38 Letto 5694 volte
  • SATOR - il quadrato magico
    SATOR - il quadrato magico Quanti quadrati magici "Sator Arepo Tenet Opera Rotas" sono stati scoperti? Di quali e quanti tipi? Da dove vengono? Che significato avevano? [View the story "SATOR" on Storify]
    Scritto Martedì, 16 Ottobre 2012 15:34 Letto 6539 volte

Radio Propagations


Solar X-rays:
Status
Geomagnetic field:
Status
D-Region Absorption
Prediction:
Status
Created by PA4RM

bernardoTu troverai più nei boschi che nei libri. Alberi e rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà. Pensi forse che non potresti succhiare miele da una pietra né olio dalla roccia più dura? Non lasciano le montagne gocciolare giù dolcezza? Non sgorgano dai colli latte e miele? Sono talmente tante le cose che potrei raccontarti. Riesco a stento a trattenermi.

- San Bernardo di Chiaravalle, epistola 106 -

 

Archivio articoli

« Ottobre 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

Siti consigliati

SACRED TEXTS ARCHIVE
Testi introvabili della tradizione orientale e occidentale

IN QUIETE - il sito di Gianfranco Bertagni
Filosofia, teologia, simbologia, testi della tradizione

IL SITO DEL MISTERO
Notizie, curiosità e ricerche del Cavaliere Vermiglio

MUSICA E SPIRITO
Ricerche sulla musica e sull'anima

ULTIMA FRONTIERA DELLA CONOSCIENZA
Psicologia, archetipi, religioni, mitologia, geobiologia,architettura sacra, archeologia, storia

MARIO ERMINI BURGHINER e i MAZARÖCC
Musica dialettale valligiana in salsa internazionale

ALCHEMICAL EMBLEMS, OCCULT DIAGRAMSAND MEMORY ARTS
Images from Medieval, Renaissance, Early Modern,and Contemporary Esoteric Traditions

LA MELAGRANA
Pagina indipendente di cultura esoterica

GOZZANO METEO
Il meteo del basso cusio in tempo reale

FrancescoTeruggi.com - Copyright © Francesco Teruggi - Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Testi, foto, video e ogni altro contenuto sono proprietà esclusiva di Francesco Teruggi, salvo eventuali ed espresse specificazioni di diversa provenienza.